VIABILITA'

Viadotto Histonium, Lega: «coprire buche e mettere rallentatori»

I consiglieri di opposizione chiedono al Comune di intervenire

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

165

Viadotto Histonium, Lega: «coprire buche e mettere rallentatori»

 

 

VASTO. «Il Consiglio comunale deve prendere atto della situazione di pericolosità in cui versa il Viadotto Histonium teatro, negli anni, di diversi incidenti».

 

Queste le parole del consigliere comunale Francesco Prospero a commento della prima interpellanza sottoscritta dai tre Consiglieri della Lega.

 

Solo pochi giorni fa l’ennesimo incidente: due giovani vastesi, di 13 e 15 anni di età, sono state investite sul Viadotto e sono finite in rianimazione.

Prospero spiega che già dallo scorso mese di dicembre 2017 aveva richiesto una serie di interventi poiché i numerosi sinistri che si sono verificati potevano essere evitati con l’installazione di dispositivi di sicurezza  che da tempo, i cittadini, reclamano per il viadotto.

L’area servita dal Viadotto Histonium, infatti, è molto frequentata sia perchè rappresenta un’importante arteria viaria della nostra Città, che unisce Vasto Marina con Vasto Alta, sia per la presenza, nelle vicinanze, di importanti plessi scolastici e impianti sportivi.

Per garantire la sicurezza dei pedoni e degli automobilisti che si immettono sul viadotto, è

necessario che l’amministrazione comunale adotti alcuni urgenti provvedimenti, insiste la Lega.

In particolare i consiglieri comunali chiedono di ripristinare il manto stradale, ammalorato, pericoloso e pieno di buche; installare dei rallentatori; porre in opera adeguati attraversamenti pedonali con segnaletica conforme alla legge (attualmente, infatti, gli attraversamenti sono insufficienti e con segnaletica orizzontale e verticale pressochè invisibile).

«Ci auguriamo», conclude Prospero, «che le nostre istanze vengano presto accolte poichè l’amministrazione comunale ha il dovere di garantire la circolazione in sicurezza dei propri cittadini e, pertanto, deve attivarsi in questa direzione».