PIRATI FESSI

Attacco hacker contro sito dell’Arta: «prelevati dati pubblici su radioattività»    

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

290

Arta. Hardware vecchio, il sito va in tilt: impossibile leggere i dati su inquinamento aria  


ABRUZZO. Strano caso di attacco informatico per “rubare” dati pubblici e ripubblicarli…

E’ quanto emerge da una nota della Agenzia per l’Ambiente che comunica l’attuale indisponibilità del sito internet che non si è ancora ripreso dall’incursione della notte scorsa.

Una denuncia è partita all’indirizzo del Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (CNAIPIC), organo del Ministero dell'Interno per la sicurezza delle comunicazioni.

Gli hacker, di cui Arta non fa il nome «per evitare di dare visibilità al gruppo», si sono appropriati di «dati ormai vetusti relativi alle misure della radioattività effettuate da Arta sul territorio regionale e li hanno pubblicati sul proprio blog. Tali dati erano comunque consultabili da chiunque sul sito di Arta Abruzzo e l'attacco informatico non solo non ha rivelato documenti "top secret", ma ha finito per oscurare temporaneamente tutti i dati e le informazioni, non solo ambientali, presenti on line».

Gli informatici dell'Agenzia sono al lavoro da questa mattina per ripristinare la visualizzazione dei contenuti del sito ed entro la serata di oggi il problema dovrebbe essere completamente risolto.