SANITA'

Pratola Peligna, la Asl chiude il centro autistico e psichiatrico: non ha autorizzazioni

Se ne sono accorti solo dopo la visita dei Nas

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

494

Pratola Peligna, la Asl chiude il centro autistico e psichiatrico

PRATOLA PELIGNA. A seguito dell'ultima attività di accertamento dei Nas, la Asl L'Aquila-Avezzano-Sulmona ha comunicato ieri sera la decisione di sospendere temporaneamente in autotutela le attività del Centro Autistico e del Centro Psichiatrico di Pratola Peligna,  «per la mancanza delle pregresse autorizzazioni».


Ne dà notizia il sindaco Antonella Di Nino che annuncia «una serrata collaborazione con la stessa Asl per arrivare a una rapida soluzione del problema».

Si tratterebbe di una scelta obbligata  che penalizza i tanti pazienti delle strutture, le loro famiglie e i lavoratori.

«Sono ormai giorni che sollecito a gran voce la Regione», ha detto il sindaco, «perché prenda subito le decisioni rapide e necessarie per colmare i vizi formali che hanno originato questa durissima sospensione e non mi fermerò fino a quando non sarà ripristinata la funzionalità della struttura, perché le fasce più deboli ed esposte della popolazione non possono essere colpite così. Non nascondo il mio stupore quando ho appreso che la struttura era priva di ogni autorizzazione data la sua recente inaugurazione a febbraio 2017. Tuttavia questa non può essere la causa vinta dagli amanti delle denunce e della burocrazia, una causa che offende e calpesta il diritto essenziale alla salute dei ragazzi dei due centri».



Il centro era stato inaugurato a febbraio 2017 con la solita pomposa enfasi.

Venti posti in regime semiresidenziale (attivita' diurna), 850 metri quadrati, camere per pazienti, spazi di riabilitazione, palestra, cucina e cortile esterno.

All’inaugurazione erano presenti, tra gli altri, l'assessore regionale alla sanita', Silvio Paolucci, il manager della Asl, Rinaldo Tordera, insieme al direttore sanitario Maria Teresa Colizza, il sindaco di Pratola, Antonio De Crescentiis, il direttore del dipartimento di salute mentale Vittorio Sconci e il prof. Marco Valenti, che dirige il centro regionale di riferimento per l'autismo di L'Aquila.


E' il secondo centro per riabilitazione di persone affette da autismo in provincia di L'Aquila (un altro e' gia' presente all'Aquila), destinato ad accogliere giovani adulti, dall'eta' dell'adolescenza in su.

«La regione», aveva detto Paolucci, «ha investito molto nell'area peligna, sia sull'ospedale di Sulmona sia sul territorio e l'apertura di questa struttura e' un fatto molto importante per tutta la comunita' a sostegno delle famiglie nonche' un ulteriore fattore di qualificazione dell'offerta sanitaria».



La Asl di L’Aquila fa sapere che dei 6 pazienti della struttura psichiatrica, 3 saranno seguiti a Bazzano e 3 ad Avezzano.


I 9 ospiti del centro autistico saranno invece assistiti a domicilio o all’interno di contesti sociali e che Regione e Comune di Pratola, intanto, sono impegnati con le procedure di perfezionamento degli atti amministrativi al fine di risolvere il problema.