ABBANDONI

Sinfonica Abruzzese. Prayer si dimette: «è venuto meno il lavoro di squadra»  

Ex direttore artistico spiega motivi dimissioni

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

190

Nominato il nuovo direttore artistico per Orchestra Sinfonica Abruzzese

Luisa Prayer

 

L'AQUILA. Luisa Prayer non è più il direttore artistico dell'Istituzione Sinfonica Abruzzese. Le dimissioni, presentate da Prayer dopo due anni di direzione sono state accettate dal consiglio d'amministrazione dell'ente oggi.

«Negli ultimi tempi - dichiara l'ex direttore artistico in una nota - la mancanza di convergenza con la dirigenza Isa su vari aspetti della programmazione futura ha purtroppo fatto venir meno quell'importante lavoro di squadra che è indispensabile alla redazione di un nuovo progetto per l'orchestra. Non ho potuto non prenderne atto e rassegnare le mie dimissioni. Sono però soddisfatta, in poco più di due anni di lavoro, di aver portato l'Orchestra Sinfonica Abruzzese a essere protagonista di prestigiosi scenari culturali, e a riscuotere grandi consensi sia nel pubblico che negli ambienti più qualificati della musica italiana».

«L'anno appena trascorso è stato un anno ricco di soddisfazioni: presente nelle sette Regioni del Centro Italia, dalla Toscana alla Campania, l'Osa ha dato un importante contributo alla vita culturale della regione, tenendo concerti in 21 diverse sedi abruzzesi, in proficua collaborazione con amministrazione e associazioni locali, e dando vita a nuove stagioni ad abbonamento, a Atri e Teramo, a un rapporto stabile col Teatro Fenaroli di Lanciano».

«Abbiamo molto creduto nella rete che ha messo in campo le forze degli enti musicali aquilani e quelle delle scuole di Alta Formazione artistica e dell'Università dell'Aquila, realizzando insieme la seconda edizione del festival Contemporanea Plurale. In settembre abbiamo celebrato, con la Barattelli e i Solisti Aquilani, il trentennale della scomparsa di Nino Carloni, in un evento congiunto».

«Auguro all'Orchestra - conclude Luisa Prayer -, di cui presi la guida in un momento particolarmente difficile, a settembre 2015, quando se ne paventava la chiusura, di proseguire in questo suo cammino importante, e continuare a essere, a livello nazionale, la voce musicale dell'Abruzzo».