MILLE IPOTESI

Scomparsa Ernesto Valerio, ancora silenzio a 5 giorni dalla sparizione

L’ultima canzone condivisa su Facebook: «se potessi ricominciare a un milione di miglia da qui»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

5320

Scomparsa Ernesto Valerio, ancora silenzio a 5 giorni dalla sparizione

Ernesto Valerio

MANTOVA. Ancora nessuna traccia, nessun segnale, nessuna telefonata da parte di Ernesto Valerio, lo scrittore di 34 anni sparito all’alba di lunedì mattina da casa sua, a Mantova.

La disperazione dei familiari cresce giorno dopo giorno: è dura andare avanti senza notizie. La pista più accreditata secondo gli inquirenti resta quella dell’allontanamento volontario.

Alcuni amici hanno notato l’ultimo post pubblicato su Facebook dal giovane, l’8 dicembre scorso: era il video Hurt del cantautore statunitense Johnny Cash morto nel 2003.

L’ultima strofa dice «se potessi ricominciare a un milione di miglia da qui mi controllerei. Troverei un modo». E’ questo che ha fatto il giovane lancianese? Secondo la moglie Giulia, il marito era sicuramente preso da tante cose: «oltre al lavoro ha il calcio, l’associazione culturale di Castiglione, ha tanti impegni, troppi. Io penso che lui sia andato in tilt, troppe pressioni, troppe responsabilità». 

La moglie,  invece, non crede assolutamente ad una delle piste emerse nelle ultime ore che porterebbe in Siria. Gli inquirenti ci stanno lavorando con cautela, a dimostrazione che non si sta tralasciando proprio niente ma per la famiglia è una ipotesi assurda.

Tutto è nato dal fatto che Valerio da tempo sosteneva la causa del popolo siriano e di tanto in tanto postava messaggi sul profilo Facebook del “Fronte Europeo per la Siria”, nato all’inizio del 2013 per unire le forze di tutti i sostenitori europei della causa del popolo siriano e per sostenere la posizione del presidente Assad.


Si è riusciti anche a risalire all’ultimo post del lancianese sulla pagina: è del 18 ottobre scorso, dopo l'uccisione del generale della Guardia Repubblicana Siriana, Issam Zahreddine: «Sei nella storia, comandante - aveva scritto - Un saluto commosso, dal cuore. W la Siria», aveva scritto.

Ma come detto per i familiari immaginare che possa essere andato lì «è una sciocchezza».

I carabinieri subito dopo la scomparsa si sono resi conti che l’uomo ha fatto due prelevamenti ad un bancomat vicino casa, uno con la sua carta e uno con quello della moglie che lui ha preso dal portafoglio della donna senza chiedere. La carta bancomat della donna è stata poi restituita, infilata nella cassetta della posta, così come le chiavi di casa e quelle dell’ufficio.

Visto l’orario Valerio potrebbe aver preso il treno delle 6.47 per Milano, ma i carabinieri lo stanno ancora verificando.

La distanza da casa alla stazione si percorre in una decina di minuti in tutto.