IL GANCIO

Elisoccorso Pescara, dopo 10 mesi di attesa (e 26 mln spesi) arriva il verricello

Adesso necessari corsi di formazione prima di utilizzarlo

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

650

Asl Pescara, l’elicottero del 118 fermo da febbraio si mette in moto

PESCARA. Via libera all’installazione del verricello sull’elicottero di soccorso in uso alla base operativa di Pescara. Finalmente, per le emergenze più gravi, il velivolo potrà uscire dall’hangar e fare il suo lavoro. Quando? Forse ad inizio 2018.

Lo ha deciso il 24 novembre scorso il manager dell’Asl di Pescara Armando Mancini che ha dato l’ok ai lavori.

Solo 5 giorni prima, in una domenica particolarmente impegnativa (un morto e tre feriti) sulle montagne abruzzesi, l’elicottero era rimasto a terra, proprio a causa della mancanza del verricello  che è una parte strutturale fondamentale per i soccorsi e i trasbordi d'emergenza in ambienti particolarmente difficili. Per poterlo utilizzare servono corsi e procedure particolari di messa in funzione.

Il consigliere regionale di Forza Italia, Mauro Febbo, aveva sollecitato nuovamente l’azienda sanitaria pescarese a fare in fretta.

L’attesa è stata decisamente lunga: l’elicottero  I Kira - Aw 169, è stato infatti consegnato il 21 febbraio 2017 ed è costato ben 26 milioni di euro. La Commissione di Controllo e Vigilanza il 4 settembre scorso ha formalizzato il proprio nulla osta e il manager Mancini nella delibera di quattro giorni fa ha dato l’ultimo parere favorevole.

Proprio il direttore generale ricorda che il verricello potrà essere utilizzato solo da personale «idoneo sotto il profilo sanitario» (già individuato) ed è subordinato all’espletamento dei corsi di formazione che andranno eseguiti «possibilmente entro il mese di dicembre 2017».

Prima di allora non si potrà comunque utilizzare. Obbligatoria sarà anche la presenza del personale del Soccorso Alpino e Speleologico, esperto nei soccorsi in montagna. La loro presenza eviterà la necessità di ulteriori corsi di formazione.

Il velivolo, anche con il verricello (di almeno 80 metri e con una portata di 270 kg), non potrà comunque atterrare presso l'ospedale di Pescara perche' bisogna adeguare la piazzola al peso del nuovo mezzo.