ETERNO CANTIERE

Caserma Vigili Fuoco L’Aquila, dopo l’inaugurazione del cantiere i lavori sono fermi

Il 21 settembre scorso la consegna in pompa magna

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

72

Caserma Vigili Fuoco L’Aquila, dopo l’inaugurazione del cantiere i lavori sono fermi



L’AQUILA. Continua l’odissea della ricostruzione della caserma dei vigili del fuoco dell’Aquila che, a quasi nove anni dal terremoto, resta un miraggio.

«Dopo la consegna dei lavori del settembre scorso, l’area destinata all’edificazione dalla nuova sede resta desolatamente deserta e abbandonata a se stessa»: denunciano con una nota congiunta i rappresentanti sindacali provinciali Ermanno Pitone (Conapo), Vincenzo D’Aprile (Cgil) e Gabriele Miconi (Usb).

Vista la cerimonia di consegna del cantiere avvenuta in pompa magna lo scorso 21 settembre - spiegano i sindacalisti – si pensava davvero che dopo un’odissea durata più di otto anni sarebbero finalmente iniziate le opere di ricostruzione della sede.

Meno di 5,5 milioni l’importo previsto, due anni di lavori per una struttura che «risponde perfettamente alle necessità». In passato, si era anche ipotizzato lo spostamento in una nuova area.

Ora però i 2 anni previsti rischiano di diventare molti di più se non si comincia subito.

«Invece i lavori tanto attesi, il cui termine è fissato in due anni ma intanto i primi due mesi sono trascorsi senza muovere un dito, non sono mai partiti e dopo l’immediato sgombero dell’area cantiere e della delimitazione della stessa, tutto risulta desolatamente fermo. Oltre al danno, in sostanza, anche la beffa, visto che prima avevamo degli spazi esterni utili alle quotidiane attività legate al soccorso», attaccano i sindacati.
I vigili del fuoco dell’Aquila, anni fa, per accorciare i tempi della ricostruzione hanno demolito la sede danneggiata dal terremoto del 2009 e smaltito in house le macerie, garantendo tra l’altro un notevole risparmio economico all’amministrazione. E oggi vengono ripagati in questo modo.
«Tutto questo - terminano i sindacati - è inaccettabile. Invitiamo i soggetti istituzionali deputati, ad adoperarsi con urgenza affinché si ponga fine a questa surreale situazione di stallo e si dia finalmente avvio ai lavori che i vigili del fuoco aspettano ormai da troppo tempo».

I ritardi di oggi si sommano a quelli delle altre fasi: il bando ha vissuto un iter travagliatissimo. Pubblicato nel 2012, era stato caratterizzato da lungaggini legate alle riunioni della commissioni aggiudicatrice. Poi successivamente era stato annullato per una busta smarrita e poi ritrovata nel corso della seduta conclusiva. Fino al nuovo iter, cominciato il 19 gennaio.

 I lavori, da contratto, dovranno essere conclusi entro 730 giorni. L'importo netto ammonta a 5,4 milioni di euro.