SOLDI PUBBLICI

Honeywell Atessa. Dal Ministero sì ad integrazione salariale per 337 unità

Sforzi per mantenere attività e posti di lavoro

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1167

Honeywell il nemico è francese: «vogliono la nostra morte ma resisteremo ad oltranza»

 

 

 

ROMA. Per il sito Honeywell di Atessa il Ministero del Lavoro ha autorizzato per l'azienda la concessione del trattamento d'integrazione salariale straordinario per un numero massimo di 337 dipendenti su un organico di 400 unità dopo la stipula di un contratto di solidarietà avvenuto il 16 marzo per il periodo 3 aprile 2017 - 2 aprile 2018.

 

Lo ha detto il ministro del Lavoro e politiche sociali, Giuliano Poletti, al Question Time, illustrando le iniziative per salvaguardare posti di lavoro e la continuità produttiva dello stabilimento dopo i diversi incontri, ultimo quello di ieri tra il Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, i sindacati e la regione Abruzzo.

«Individuazione di un percorso che porti al mantenimento dell'attività nel sito e alla conseguente rioccupazione dei lavoratori". Quindi "la richiesta all'azienda di posticipare i termini della chiusura attraverso l'utilizzo degli ammortizzatori, che permettano una proficua attività di ricerca di nuovi imprenditori», ha detto Poletti.

 

Poi «la costituzione di un apposito gruppo di lavoro presso il Mise con i sindacati, Invitalia e il Ministero del Lavoro», ha proseguito il Ministro, precisando che il primo incontro è stato fissato per il 4 dicembre prossimo. Inoltre un «impegno economico dell'azienda a favorire questo processo di rioccupazione nei modi che governo, istituzioni locali e sindacati individueranno», ha aggiunto Poletti, assicurando infine che il «Ministero del Lavoro continuerà a monitorare i futuri sviluppi di questa situazione».