SCUOLE CHIUSE

Allerta meteo Abruzzo: anche domani scuole chiuse

La protezione civile declassa pericolo da rosso ad arancione

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

4134

Allerta meteo Abruzzo: anche domani scuole chiuse

Allerta arancione sulla costa

 

 

ABRUZZO.Da rosso ad arancione e poi giallo.

Dalla mezzanotte di oggi, 15 novembre e per le successive 24 ore il Centro Operativo Funzionale della Protezione Civile regionale ha dichiarato lo stato di Criticità Moderata ("Codice Arancione") per rischio idraulico diffuso sui Bacini "Tordino-Vomano", del Pescara, "Alto Sangro" e Basso Sangro". Lo rende noto il sottosegretario alla Presidenza della Regione con delega alla Protezione Civile, Mario Mazzocca. Sempre per la giornata di domani 16 novembre è previsto lo stato di Criticità Ordinaria ("Codice Giallo") per rischio idrogeologico localizzato sulle zone di allerta del Bacino dell'Aterno e della Marsica.

Anche le previsioni danno l’ondata di maltempo in attenuazione.

Ma in Abruzzo i disagi non sono terminati.

Dopo una giornata di emergenza si dovranno contare i nuovi danni sul territorio sempre più fragile.

Nel frattempo in molti comuni per precauzione le scuole rimarranno chiuse anche domani 16 novembre per controllare i plessi scolastici e le strade.

A Chieti il sindaco Di Primio ha deciso che le lezioni si terranno regolarmente.

LA SITUAZIONE DOPO UNA GIORNATA DI EMERGENZA  A PESCARA

Dopo un inizio di giornata molto critica ed un pomeriggio difficile la situazione è andata migliorando fino a sera.

Rientrati gli allagamenti lungo viale Marconi e nella zona stadio dove le principali arterie sono state riaperte già a metà pomeriggio, grazie alla mobilitazione di uomini e mezzi che ha reso operative sulle emergenze 10 idrovore per aspirare l’acqua.

Riaperti i sottopassi. Restano chiusi solo quelli di via Raiale e di Fontanelle; a scopo precauzionale e finché l’allarme del fiume non sarà completamente rientrato, inaccessibili restano le golene.

Nel pomeriggio è stata verificata anche una segnalazione fatta dai residenti di un condominio di via Giustino De Cecco, circa la presenza di un liquido oleoso in strada, misto all’acqua che ha invaso la carreggiata che collega via Misticoni a via d’Annunzio.

 

Restano chiusi ancora i parchi, dove non si sono registrati particolari problemi, chiusi anche i cimiteri.

Nella giornata di domani si procederà alla stima dei danni causati alle strade. Restano ancora chiuse via Spaventa, via Celommi, via Musone e via dei Peligni, dove hanno operato costantemente squadre comunali e della nostra Protezione civile per dare assistenza alla popolazione sin dalle prime ore di questa mattina.

Da stamane preoccupante era la situazione del fiume, che ha superato per un periodo limitato il livello di attenzione e quella dei fossi Vallelunga e Fosso Grande, che sono stati sotto il limite di guardia e hanno assolto pienamente alla loro funzione, facendo defluire l’acqua in arrivo dalle varie zone della città e attualmente non danno problemi.

 

 

 IN PROVINCIA DI TERAMO

 Circa cento gli interventi richiesti al Comando dei vigili del fuoco di Teramo.

Particolarmente colpita la zona della costa, da cui  sono pervenute numerose richieste di intervento, che hanno reso necessario il richiamo di personale libero dal servizio. Soprattutto sono stati interessati i comuni della vallata del fiume Vomano e i comuni costieri ed in particolare quelli nella zona sud della provincia teramana.

Principalmente gli interventi sono stati effettuati per il prosciugamento di scantinati, autorimesse, fabbricati industriali, sottopassi, oltre ad alcuni locali interrati di alberghi ubicati a Tortoreto, Martinsicuro e Roseto degli Abruzzi.

A causa dell'innalzamento dei fiumi a livelli di guardia, sono stati chiusi, in via cautelativa, diversi ponti e bloccato il traffico ferroviario sulla linea Bologna-Taranto e veicolare sull'Autostrada A14. A lungo è rimasta chiusa al traffico anche la SS16, in prossimità del Centro Commerciale Universo a Silvi Marina, a causa di un allagamento che ha bloccato diversi automezzi in transito.  

La SS81, in località Feudi di Cellino Attanasio, è stata interessata da due frane, che hanno bloccato un'autovettura con una donna all'interno. Una squadra dei vigile del fuoco di Teramo è intervenuta sul posto e ha soccorso la persona all'interno dell'auto.

Successivamente personale dell'ANAS ha provveduto alla rimozione del materiale franato sulla strada, per ripristinare il regolare transito veicolare. Si sono verificate frane in diverse zone della provincia, che hanno reso necessaria l'evacuazione di alcuni nuclei familiari. In particolare sono state evacuate quattro famiglie nel quartiere Cona di Teramo, tre famiglie in Contrada Cona di Atri, una famiglia a Mosciano Sant'Angelo e una persona portatrice di Handicap in località Sciarra di Atri.

L'elicottero del Nucleo dei vigili del fuoco di Pescara si è alzato in volo, per verificare le condizioni di salute di due anziani isolati in un'abitazione di Silvi, circondata dall'acqua alta. Una squadra, con un mezzo operativo fuoristrada, ha raggiunto Contrada Mezzanotte a Teramo, per consegnare dei farmaci salvavita a un anziano dializzato. A seguito della diminuzione dell'intensità delle piogge, registrata in queste ultime ore, stanno diminuendo le richieste di intervento rivolte al Comando dei vigili del fuoco, che è ancora impegnato in diversi interventi per il prosciugamento di piani interrati, che prevedono l'impiego delle pompe idrovore in dotazione.

 

A CHIETI SCUOLE REGOLARI MA MOLTI PROBLEMI

Il sindaco Di Primio ha deciso che domani 16 novembre le scuole riapriranno regolarmente.

Sul territorio comunale si sono verificati 13 smottamenti di cui tre – Strada Spelorzi, Strada Storta e Strada Mucci - più di intralcio per la viabilità a causa del fango riversatosi sulle carreggiate che verrà rimosso non appena cesserà di piovere.

In mattinata è stata effettuata una ricognizione su tutti gli edifici comunali e in primo luogo sulle scuole dove, nella giornata odierna, è stata sospesa l’attività didattica in via prudenziale.

«Sono state notate infiltrazioni già note in tre scuole», ha aggiunto il primo cittadino, «primaria Villaggio Celdit, primaria Corradi e Asilo Nido di via Arenazze. Non appena il tempo lo permetterà saranno effettuati interventi di ristrutturazione per i quali sono già stati predisposti i relativi progetti».

 

Le criticità maggiori sono state individuate in:

via Solferino: linea della pubblica illuminazione interrotta a causa della caduta di 2 querce abbattutesi sulla sede stradae;

via per Popoli, intersezione con via per Casalincontrada: caduta di un albero;

via Marvin Gelber: crollo di un palo della pubblica illuminazione;

via Baroncini, angolo via de Turre: cedimento asfalto per rottura fognaria;

via Polacchi e via Molino: smottamenti e piccole frane;

via Turchi: chiusura del sottopasso viario;

via Giovanni Paolo II: allagamento di una cabina Enel.

via d’Acquisto, alloggi Ater: allagamento a seguito dei quale sono intervenuti i volontari di Protezione Civile.

 

 


 

SCUOLE CHIUSE IL 16 NOVEMBRE A

Pescara

Montesilvano

Citta' Sant'Angelo

Pineto 

Silvi 

Morro D'Oro

Giulianova

Roseto