PIOVONO SOFFITTI

Pescara, via Galilei: ancora un crollo con tragedia sfiorata

Solaio finisce sul letto vuoto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1689

Pescara, via Galilei: ancora un crollo con tragedia sfiorata

 

 

 
 
PESCARA. Ancora una tragedia sfiorata nel tardo pomeriggio, a Pescara, per il crollo di una parte di solaio all'interno di un appartamento al quinto piano di una palazzina di via Galilei, in pieno centro cittadino.

Il cedimento si e' verificato in una camera, con i detriti finiti sul letto. Gli occupanti dell'abitazione fortunatamente si trovavano in un'altra stanza.

Sul posto sono presenti i vigili del fuoco, la polizia municipale e il vice sindaco Antonio Blasioli.

Da quanto si è appreso in seguito ai primi sopralluoghi il crollo potrebbe essere dovuto alle sollecitazioni provocate da alcuni lavori in corso al piano superiore dell'edificio.

La famiglia che vive nell'appartamento passera' la notte in hotel.

Domani, se i vigili del fuoco, confermeranno il problema verrà emessa l'ordinanza di sgombero dell'appartamento.

 

Eppure non è la prima volta che un crollo crea paura e si sfiora la tragedia.

L’ultima volta appena un mese e mezzo fa, il 29 settembre, quando sempre in via Galilei un'abitazione e un ufficio sono stati sgomberati per questioni di sicurezza a seguito del cedimento di una porzione di un solaio che si è verificato nella notte.

In quel caso si disse che il problema era dovuto a un'infiltrazione.

Anche in quella occasione c’è stato uno sgombero della famiglia che occupava l’appartamento.

 

 Il 14 maggio 2017 un palazzo di sei piani, in via Tasso, dopo un distacco di parte del cornicione dalla torretta dell'ascensore è stato sgomberato. I detriti sono finiti sui balconi e nel cortile interno dell'edificio, ma fortunatamente in quel momento non vi erano persone. 

La strada è stata chiusa e i condomini - una dozzina gli appartamenti, diversi dei quali adibiti ad uffici - sono stati fatti uscire. Nei giorni successivi sono stati effettuati lavori di messa in sicurezza.

Eventi troppo simili e troppo ravvicinati.

C'è forse da porsi qualche domanda seria?