RICOSTRUZIONE

Sisma L'Aquila: genio civile esternalizza 250 pratiche

Iniziativa per azzerare il pesante arretrato sulla ricostruzione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

270

CANTIERE L'AQUILA

 

L'AQUILA.  Il Genio Civile dell'Aquila, attualmente confluito nella struttura regionale, esternalizza 250 pratiche della ricostruzione post terremoto 2009, per azzerare l'arretrato entro la fine dell'anno e sbloccare altrettanti cantieri nel 2018.

A tale proposito il dirigente del Genio, Carlo Giovani, ha emesso un avviso lampo della durata di 10 giorni con scadenza al 27 ottobre prossimo, per selezionare 50 tecnici esterni che riceveranno 5 pratiche ciascuno, secondo quanto si legge, ognuna di importo inferiore a 40 mila euro.

Sugli arretrati al genio da tempo sono in atto delle polemiche.

Da sottolineare che per queste pratiche varrà il vecchio e snello criterio della semplice «attestazione di avvenuto deposito», piuttosto che quello più stringente della cosiddetta «autorizzazione sismica», novità prevista, per una parte dei documenti presentati, da un regolamento attuativo del 2016 di una legge regionale che ha avuto l'imprevisto di congestionare in modo clamoroso le procedure.

Tra i requisiti, ovviamente la laurea in Ingegneria, ma con valutazione minima di 102, e dichiarata esperienza di almeno 5 anni. Gli ingegneri avranno a disposizione 10 giorni per ogni istruttoria, quindi meno di 2 mesi per chiudere la loro parte (salvo eventuali integrazioni necessarie da parte dei tecnici dei committenti), e riceveranno un compenso di 280 euro a pratica, 1.400 complessivi.

Il budget per l'operazione, che ammonta pertanto a 70 mila euro, reperito pescando dal plafond già disponibile della cosiddetta «tassa di istruttoria» che attualmente stanno pagando le imprese proprio per puntare a sveltire le pratiche del post-sisma, un fondo che è già confluito in un conto corrente dedicato, alimentato dall'inizio di quest'anno per risolvere i problemi.

Soddisfatto il presidente provinciale dell'associazione costruttori Ance, Ettore Barattelli: «Siamo contenti che ci sia un'ulteriore norma, ringraziamo il dirigente Giovani per la sensibilità e questa mossa 'sblocca cantieri' - spiega - che va nella direzione di mettere in campo le risorse finanziate negli elenchi fin qui usciti e, quindi, attivare altrettanti cantieri nei prossimi mesi».