DEBITI E NASTRI

La Nuova Via Roma. Inaugurazione con diffida per il sindaco Marinucci

Il Comune replica: «abbiamo pagato»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1445

La Nuova Via Roma. Inaugurazione con diffida per il sindaco Marinucci

Via Roma

 

 

SAN GIOVANNI TEATINO.  La nuova Via Roma sarà inaugurata mercoledì mattina 18 ottobre 2017. Forse.

 Al taglio del nastro, previsto per le ore 11 nei pressi dell'incrocio con via Mazzini, ci saranno il sindaco Luciano Marinucci, l'assessore ai lavori pubblici Massimiliano Bronzino Cesario. Peccato che su questo evento si è abbattuta la messa in mora della ditta costruttrice che non è stata ancora pagata e che non vuole che si svolga il grande evento inaugurale sul ‘loro’ cantiere.

 

La società Nimas Costruzioni srl contestata il mancato pagamento di una fattura emessa a settembre e parla di «comportamento assolutamente inaccettabile». Se il Comune non dovesse sbloccare la situazione la società ha già annunciato che si rivolgerà all’Anac.

 

«Il sindaco di San Giovanni Teatino si affretta ad inaugurare un’opera che non ha ancora il certificato di regolare esecuzione, quindi non collaudata ma, cosa più grave, un’opera non ancora pagata e con in atto pendenze amministrative e procedurali», denuncia il consigliere del Movimento 5 Stelle, Mario Cutrupi che annuncia che non parteciperà all’evento.

« Che i lavori del secondo lotto per la sistemazione di via Roma, importante arteria del centro cittadino, fossero partiti con qualche problema a carico della ditta aggiudicataria, lo si è visto da subito, fin dalla scelta degli alberi da abbattere», continua Cutrupi.

«Per non parlare di tutte le modifiche fatte in corso d’opera a sopperire forse sviste o disattenzioni progettuali. Tant'è che alla società di costruzione, che alla luce del lavoro consegnato sembra aver svolto diligentemente il proprio ruolo, è stata concessa una variante. Sull’importo di questa variante però, sembra esserci più di qualche malumore che, ad oggi ha portato al non rispetto dei tempi per i pagamenti delle fatture pregresse».



I LAVORI

Con i lavori sono stati risolti atavici problemi: gli allagamenti, il parcheggio selvaggio e quello delle radici degli alberi che avevano reso il marciapiede sconnesso e pericoloso.

Sono state adeguate l'intera rete di raccolta delle acque meteoriche e la linea acque bianche, rifatti i marciapiedi di destra e di sinistra e realizzato un nuovo impianto di pubblica illuminazione con lampade a LED. Sono stati sostituiti  25 alberi tagliati a seguito della perizia agronomica redatta dal dott. Agr. Corrado Di Nardo e delle autorizzazioni rilasciate dal Servizio Ambiente Comunale. Piantumati 9 alberi in apposite aiuole realizzate sul marciapiede.


«Anche la nuova via Roma va nella direzione che da tempo questa Amministrazione ha deciso di abbracciare: quella del ben-essere e del buon vivere. - dichiara il sindaco Luciano Marinucci - Aree riqualificate, nuove idee di mobilità sostenibile e di sensibilità ecologica: dopo oltre vent'anni si potrà tornare a "vivere" questa zona del territorio. Finalmente oggi possiamo inaugurare, dunque, non solo un luogo fisico, ma una vera e propria idea che, come Amministrazione, siamo felici di offrire ai cittadini, ai quali va anche l'impegno di custodire questo nuovo luogo nel migliore dei modi e di renderlo vivo e vibrante durante la quotidianità».

«Dal 2015 abbiamo avuto sempre le idee chiare sul da farsi - spiega l'assessore Massimiliano Bronzino Cesario - e in questi anni abbiamo sempre lavorato anche per adottare le migliori soluzioni ai problemi che si presentavano durante la realizzazione dell'intervento ed raccogliendo i preziosi suggerimenti di cittadini e residenti. La caratteristica della 'nuova' Via Roma, dopo la sistemazione dell'intera linea di raccolta delle acque piovane, la realizzazione di una nuova illuminazione a led e la messa in sicurezza degli alberi pericolosi, è nei due nuovi marciapiedi.  Proseguono senza alcuna interruzione se non per gli attraversamenti pedonali».

 
«ABBIAMO PAGATO»

«Il Comune di San Giovanni Teatino paga i suoi fornitori, ma nel rispetto della legge», replica l'assessore ai lavori pubblici Massimiliano Bronzino Cesario. «Abbiamo provveduto alla liquidazione della fattura, con la determina del Responsabile del settore n.710, per il SAL 4 (Stato di Avanzamento dei Lavori) ieri mattina alle 13.30 circa, due ore prima che alla pec del protocollo arrivasse la 'contestazione mancato pagamento fattura e conseguente messa in mora' della società NIMAS Costruzioni. Strano, inoltre, che un consigliere comunale di opposizione avesse copia della contestazione nel pomeriggio in cui l'ufficio protocollo è chiuso».

L’assessore fa notare che il report del RUP, architetto Enrico Vecchiotti  dimostra come la fattura elettronica della società NIMAS sia stata emessa il 14 settembre 2017 (acquisita al protocollo il 14.09.2017 n.22672). La contabilità relativa al 4 SAL è stata presentata agli atti del Comune dalla Direzione dei lavori, ing. Canonico, il 21 settembre 2017 (prot. n. 23559), ovvero 7 giorni dopo l'emissione della fattura (incluse le riserve sulla contabilità apposte dalla NIMAS il 18 settembre 2017), mentre il certificato di pagamento è stato firmato dal RUP il 28 settembre 2017, a seguito delle verifiche di rito sulla contabilità presentata.

«L'esame delle riserve - tiene a specificare Vecchiotti - deve seguire la procedura prevista dall'art. 205 del D.L.vo 50/2016 e s.m.i. tutt'ora in corso di istruttoria e verifica».