L'INCHIESTA

Gastroenterite e codice giallo: 34enne muore all’ospedale di Pescara dopo un giorno

Partita la denuncia dei parenti, aperta una inchiesta, attesa per l’autopsia

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

5505

Gastroenterite e codice verde: 34enne muore all’ospedale di Pescara dopo un giorno

Gelsomina Collevecchio

 

 

PESCARA. Era arrivata in ambulanza e al pronto soccorso aveva atteso con il codice giallo (anche se in un primo momento si era saputo fosse un codice verde) soltanto tre minuti prima di essere visitata. I medici avevano stabilito avesse una gastroenterite ed è stata ricoverata nel reparto di medicina. Gli infermieri però dopo un giorno l’hanno ritrovata cadavere.

La procura di Pescara ha aperto una indagine e accertamenti sono in corso, è stata sequestro la cartella clinica.

E’ una morte inaspettata e improvvisa quella di una donna di 34 anni, Gelsomina Collevecchio, avvenuta la notte tra martedì e mercoledì, all'ospedale di Pescara, nel reparto di Medicina, dove era ricoverata da lunedì per una gastroenterite.

Lo stesso reparto, riferiscono alla Asl, stamani ha richiesto l'autopsia, ma i parenti della donna hanno presentato una denuncia e il magistrato ha quindi disposto il sequestro della cartella clinica. La salma è ora a disposizione dell'autorità giudiziaria per tutti gli accertamenti e per l'eventuale autopsia.

Come atto dovuto è stato aperto un fascicolo per omicidio colposo; il pm è Anna Benigni.

Da poco residente a Montesilvano, la donna era originaria di Spoltore, dove era molto conosciuta e dove la famiglia gestisce una storica macelleria del centro.

Lunedì mattina era arrivata in pronto soccorso alle 9.36 in codice giallo e alle 9.39 come riportato nella cartella clinica è stata visitata con esito "gastroenterite acuta". Ricoverata in Medicina, le sue condizioni non erano apparse preoccupanti.

Ieri, il marito era andato regolarmente a farle visita.

Stamani, però, la donna è stata trovata morta nel letto dal personale del reparto che distribuisce la terapia. Se n'è andata in silenzio, senza che nessuno se ne accorgesse.


VENERDI’ L’AUTOPSIA 

L’autopsia sarà eseguita venerdì all'obitorio dell'ospedale di Chieti dal medico legale Cristian D'Ovidio, a cui il pm Anna Benigni affiderà l'incarico in tarda mattinata. Sulla vicenda è stato aperto un fascicolo con l'ipotesi di omicidio colposo, atto dovuto per poter procedere con tutti gli accertamenti del caso.