FONDI PUBBLICI

Sociale: 7 milioni all'Abruzzo da riparto fondi nazionali

Interventi su lotta a povertà ed esclusione sociale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

131

Regione: la beffa per i tirocinanti, spunta un corso obbligatorio non inserito nel contratto

L'assessore Sclocco

ABRUZZO. Ammontano a 6 milioni 896mila 384 euro le risorse complessive destinate alla Regione Abruzzo dal riparto del Fondo nazionale per le politiche sociali e dal fondo per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale per l'annualità 2017.

Lo ha sancito ieri la Conferenza unificata che ha approvato l'intesa sullo schema di decreto del ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il ministro dell'Economia e delle finanze.

Nel dettaglio, 1 milione 617mila 584 euro derivano dal Fondo nazionale per le politiche sociali mentre 5 milioni 278mila 800 euro provengono dal fondo povertà. Nel complesso, la somma disponibile afferente al Fondo nazionale politiche sociali ammonta a 77 milioni 802mila 949 euro di cui la somma destinata alle Regioni è di 64 milioni 963mila 236 euro e la somma attribuita al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per interventi a carico del Ministero e la copertura degli oneri di funzionamento finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali è pari a 12 milioni 839mila 713 euro.

Le risorse destinate alle Regioni a valere sul Fondo per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale sono, invece pari a 212 milioni di euro.

Infine, a valere sulla quota del Fondo nazionale per le politiche sociali destinata al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sono finanziate, per almeno 3 milioni di euro, azioni volte al consolidamento e all'allargamento, nonché all'assistenza tecnica e scientifica, del programma di prevenzione dell'allontanamento dei minorenni dalla famiglia di origine (programma di interventi per la prevenzione dell'istituzionalizzazione).

A tal proposito, le risorse sono attribuite ai territori coinvolti nella sperimentazione per il tramite delle regioni e delle province autonome sulla base di linee guida adottate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

«Sono contenta - ha commentato l'assessore alle Politiche sociali Marinella Sclocco - che il Governo abbia accolto gli appelli degli assessorati regionali, dei sindacati e delle associazioni di settore più rappresentative e abbia incrementato, seppur di poco, l'importo complessivo del fondo. Spero che questa sensibilità sia mantenuta anche in futuro perché il sociale è una risorsa e non un costo».