LA NOVITA'

Avezzano, le multe per finanziare vigili urbani anche di notte

L’iniziativa del Comune per la sicurezza contro furti e prostituzione

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

136

Avezzano, le multe per finanziare vigili urbani anche di notte


AVEZZANO. Agenti di polizia locale in servizio anche di notte a contrasto di furti, schiamazzi, atti vandalici e contro lo sfruttamento della prostituzione.

Il tutto grazie all'investimento delle somme riscosse con le sanzioni elevate per le infrazioni al codice della strada.


Partirà sabato un nuovo progetto elaborato dall'amministrazione comunale di Avezzano guidata dal sindaco Gabriele De Angelis, mirato a specifici servizi della polizia locale al comando del dirigente Luca Montanari, finalizzati alla prevenzione e al contrasto dell'illegalità e della criminalità.

I pattugliamenti interesseranno le zone più sensibili della città e delle frazioni.

L'iniziativa prevede l'uscita di due pattuglie ogni turno di notte nel weekend e in un giorno della settimana, scelto di volta in volta. Ogni turno notturno, di quattro ore, è straordinario e si aggiungerà a quello eseguito di giorno, di sei ore.

In totale ci saranno cinque operatori ogni turno di notte: due agenti per pattuglia più un coordinatore.

L'amministrazione De Angelis scende in campo contro furti, atti vandalici, schiamazzi ma anche per il contrasto del fenomeno della prostituzione.


«Il progetto si colloca nell’ambito del programma di mandato», commenta il sindaco De Angelis, "ed è stato realizzato alla luce del recente decreto sulla sicurezza urbana. L'iniziativa è adottata in attesa dell'attivazione del prossimo piano di controllo integrato del territorio, messo a punto con prefettura e questura e si inserisce in un quadro che include anche altri progetti di valenza ultraterritoriale, che già dal mio insediamento ho sottoposto allo studio degli uffici competenti.  Siamo riusciti a finanziare il nuovo piano di lavoro con le somme riscosse a titolo di violazione al codice della strada.  Si tratta del reimpiego a favore della collettività. Scegliamo di investire in sicurezza e prevenzione dei crimini

anche se il tutto va fatto negli stretti limiti di legge, poiché le norme sulla spending review stabilite dal Governo centrale impongono ai Comuni dei severi tetti di spesa in materia di polizia locale, anche in tema di assunzioni o di maggiori servizi di notte.  Anche quando le risorse in cassa lo consentirebbero».


«La prostituzione in Italia non è reato e quindi bisogna trovare un modo per disincentivare i clienti.

Siamo sicuri che la richiesta di generalità ai frequentatori delle ragazze e il ricevere una sanzione fungerà da deterrente. L'iniziativa andrà avanti fino a Natale», conclude il sindaco Gabriele De Angelis,

«come per legge il progetto è su base volontaria e hanno aderito 21 agenti».