AUTOSTRADA

Lavori infiniti sull’A14: «intervenga la magistratura»

Olivieri: «pericoli e disservizi»

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

904

Lavori infiniti sull’A14: «intervenga la magistratura»

VASTO. «É paradossale osservare che, con la ripresa autunnale delle attività produttive, puntualmente ricominci l’incredibile stillicidio dei cantieri autostradali sulla A14 - soprattutto nel tratto Vasto-Pescara».

Il Consigliere regionale Mario Olivieri se la prende con la scansione temporale dei cantieri, caratterizzati da «una lungaggine infinita e dalla scadente segnalazione di sicurezza che ostruisce il traffico sulle corsie interessate».

Una situazione che «non solo non è più tollerabile, ma lascia trasparire un livello organizzativo non in linea con la corretta organizzazione della viabilità».

Nel riproporre i contenuti di una precedente risoluzione che ha presentato lo scorso anno al Consiglio regionale, Olivieri fa presente che questa volta si vedrà costretto ad invocare l’intervento della magistratura per accertare le cause «di questo disservizio intollerabile, per il quale gli utenti sono anche costretti, incredibilmente, a pagare il pedaggio».

Il consigliere si augura «che così possa essere risolto un gravissimo problema di sicurezza stradale che evidentemente, i responsabili non vogliono o non sono capaci di risolvere».

Già nei mesi scorsi il consigliere aveva segnalato che il tratto autostradale Vasto-Pescara è, da diversi mesi, caratterizzato da numerose interruzioni, lunghe decine di chilometri, causate dall'allestimento di cantieri per la messa in sicurezza dei presidi e del manto autostradale.

«I cantieri, sprovvisti di personale, addirittura assente in alcuni punti, costituiscono un grave pericolo per l'incolumità dei cittadini – aveva denunciato Olivieri - cui si aggiunge un rallentamento continuo della viabilità e la formazione di numerose code di veicoli che procedono a passo d'uomo».

In seguito alle segnalazioni de "Il Nuovo Faro", che paventa un peggioramento della situazione, in previsione dell'imminente stagione estiva, il Consigliere regionale Olivieri, aveva chiesto nella risoluzione che la Regione Abruzzo intervenisse «tempestivamente, presso la direzione del VII tronco autostradale, per incrementare le squadre, nella dotazione e i tempi giornalieri dedicati al lavoro e ridurre progressivamente la presenza dei cantieri autostradali».

I mesi sono passati, la situazione non è migliorata e per questo adesso del caso verrà interessata la procura.