LA SENTENZA

Consorzio Formula Ambiente, giudice reintegra lavoratore dopo un anno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

404

Consorzio Formula Ambiente, giudice reintegra lavoratore dopo un anno


CHIETI. A distanza di un anno e mezzo dal licenziamento il Giudice di Forlì ha reintegrato Gabriele Di Filippo nel suo posto di lavoro. Il lavoratore era stato all'epoca licenziato perchè secondo il datore di lavoro, il Consorzio Formula Ambiente, attuale gestore del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti per conto del Comune di Chieti, le sue condizioni di salute, per altro conseguenti ad un infortunio sul lavoro, non erano compatibili con qualsiasi mansione all'interno del cantiere comunale di Chieti.


Il Giudice quindi ha riconosciuto la validità delle ragioni del lavoratore che, assistito dai legali della Cgil, Vincenzo Di Lorenzo, è stato reintegrato e risarcito per il periodo in questione.


«Questo risultato», spiega Paola Puglielli della Cgil, «oltre che positivo per Gabriele rende evidente quanto siano necessarie norme a tutela dei lavoratori. Infatti in questo caso la reintegra è stata possibile in virtù delle previsioni, ormai disapplicate, dell'art.18 dello Statuto dei lavoratori. Con le modifiche normative recentemente introdotte e fortemente osteggiate dalla CGIL per i nuovi assunti queste tutele non esistono più. E quindi anche in casi come questi, cioè insussistenza dei motivi del licenziamento, il giudice non avrebbe potuto reintegrare il lavoratore sul posto di lavoro ma disporre esclusivamente un indennizzo. Siamo ora in attesa che l'Azienda completi gli adempimenti necessari e dia seguito a tutte le disposizioni del Giudice».


Il sindacato ha inoltre richiesto al Comune di Chieti, che nel mentre ha pubblicato il nuovo bando per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti nel territorio comunale, di integrare l'elenco delle maestranze che hanno diritto al passaggio senza soluzione di continuità alle dipendenze del nuovo affidatario con il nominativo di Gabriele Di Filippo.