LA DENUNCIA

Ampliamento Cimitero Bucchianico, esposto ad Anac e Corte dei Conti

«verificare responsabilità erariali»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

319

Ampliamento Cimitero Bucchianico, esposto ad Anac e Corte dei Conti

BUCCHIANICO. La convenzione stipulata nel 27 maggio 2014 per l'aggiudicazione della progettazione, della costruzione e della gestione dell'ampliamento del cimitero comunale (lavori da 2 milioni) di Bucchianico è finita in un esposto della Procura della Corte dei Conti e all’Anac firmata dal Movimento 5 Stelle.

I pentastellati puntano l’attenzione sull’articolo 28 che permette al concessionario di poter percepire degli importi relativi ai rinnovi, i subentri e le nuove concessioni preesistenti alla firma del contratto del 2014.

«Come se un commerciante, oltre agli utili di un negozio costruito in una piazza, potesse di diritto sfruttare economicamente l'intera piazza (che non ha costruito il commerciante) con gli introiti delle concessioni di suolo pubblico», contestano dal Movimento 5 Stelle.

Inoltre lo stesso concessionario, nel 2016, non aveva ancora presentato i progetti esecutivi delle opere complementari, progetti che avrebbe dovuto presentare entri i 30 giorni successivi alla stipula del contratto.


Perché questa anomalia?

Le opere consistono nella realizzazione di 425 mq della pavimentazione dei tratti viari della parte principale del cimitero e l'incamiciatura della Chiesa dell'Assunta. Lavori fondamentali dal momento che i pericoli per la pubblica incolumità causa da anni la chiusura dell'accesso principale e di quello secondario. Oggi l'ingresso è sulla strada provinciale, con tutti i problemi di parcheggio e di sicurezza che ne conseguono.

Il Movimento 5 Stelle chiede con un esposto alla Procura Regionale della Corte dei conti e all'ANAC di accertare le responsabilità erariali, la validità e l'efficacia della stessa convenzione.

L'eventuale mancato introito delle concessioni preesistenti, come previsto dalla convenzione, e gli inadempimenti per le opere complementari quanto potrebbero costare alla collettività?