CONTANTI

Tangenti appalti Mibact: 15mila euro in contanti trovati a due dipendenti

 Soldi sequestrati: gli indagati dovranno provare la provenienza lecita

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

663

Tangenti appalti Mibact: 15mila euro in contanti trovati a due dipendenti

L'AQUILA. Soldi in contanti nel cassetto del comodino per oltre 15 mila euro: a trovarli ed a sequestrarli in casa di due indagati, due funzionari infedeli dei beni culturali de L'Aquila, sono stati i carabinieri del capoluogo nel corso degli perquisizioni di ieri mattina nell'ambito della nuova inchiesta della procura della Repubblica su tangenti nella ricostruzione pubblica post-terremoto 2009.

L'indagine ha portato a 10 arresti ai domiciliari, 5 interdizioni dal lavoro e 20 indagati a piede libero con le accuse, tra le altre, di corruzione e turbativa d'asta.

I soldi in contanti sono stati trovati durante le perquisizioni di ieri durate diverse ore ed operate a casa e nelle sedi delle società degli indagati nonchè nelle sedi del Mibact.

Ad un funzionario Mibact sono stati trovati circa 5.500 euro, all'altro circa 8.800 euro. Per gli investigatori, il materiale e' interessante in relazione all'indagine: ora spetterà agli indagati l'onere di dimostrare la provenienza di quelle somme. Dovranno essere gli stessi indagati a fornire prove su prelievi e transazioni tracciabili e regolari per confutare l’accusa di proventi illeciti.

Sul momento, nel corso delle domande a perquisizione in corso, gli indagati hanno replicato che si trattava di contanti da utilizzare per le spese quotidiane.

Inoltre secondo quanto si è appreso le indagini sarebbero supportate da numerose  intercettazione telefoniche ed ambientali, oltre che video e foto, che riprenderebbero le dazioni di danaro e gli incontri per accordarsi sugli incarichi ad amici e parenti da parte delle imprese che hanno vinto gli appalti.

Le indagini continuano e nei prossimi giorni si passerà ad analizzare la mole di documenti sequestrata nel frattempo oggi gli investigatori sono tornati a visitare gli uffici aquilani del Mibact. 

GLI APPALTI NEL MIRINO
Chiesa di Santa Maria del Ponte (Tione)
Chiesa di San Domenico (Sulmona)
Chiesa di San Salvatore (Civitaretenga)
Badia di Celestino V (Sulmona)
Teatro comunale (L’Aquila)
Mura urbiche (L’Aquila)
Porta Branconia (L’Aquila)
Chiesa di San Biagio (Cappadocia)
Torre medicea (Santo Stefano di Sessanio)
Chiesa di San Sisto (L’Aquila)
Duomo (San Valentino Citeriore)
Chiesa di San Pietro Apostolo (Rovere di Rocca di Mezzo)