VIABILITA'

Pescara Zlt, arriva la 13° telecamera: lavori da 110mila euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

382

Pescara Zlt, arriva la 13° telecamera: lavori da 110mila euro

PESCARA. Presentato stamane il progetto di ottimizzazione delle telecamere delle Ztl cittadine: il sistema si arricchirà di un nuovo impianto e dei display che avvertono se le telecamere sono attive o spente. In conferenza il vice sindaco e assessore alla Manutenzione e Lavori Pubblici Antonio Blasioli, l'assessore alla Mobilità Stefano Civitarese Matteucci e il Mobility manager del Comune Piergiorgio Pardi.

«Abbiamo messo in cantiere dei necessari lavori di modifica dell'impianto per la rilevazione degli accessi alle Ztl – così l'assessore Stefano Civitarese Matteucci – si agirà sui varchi delle Ztl, ordinaria e ambientale (ambientali sono quelle che scattano il sabato e domenica in Corso Vittorio e via Regina Margherita, via De Amicis) che avranno telecamere più visibili per la rilevazione degli accessi, per arrivare a una migliore gestione delle Ztl. Nulla cambia sulle regole di accesso e convivenza con la Ztl, rispetto al precedente progetto abbiamo solo aggiunto una telecamera portandole in tutto a 13 e fatto degli spostamenti di tre telecamere, collocandole in modo più efficace per l'esigenza di controllo della Ztl, anche alla luce dell'esigenza di ragionare come una smart city. Questo ci ha spinto a dotare gli impianti del display in modo da informare cittadini e utenti se i varchi sono attivi o no ed evitare il rischio di esporsi a multe. Il passo successivo in senso tecnologico sarà quello di facilitare il rilascio e il rinnovo dei permessi per la Ztl, in modo anche da renderlo un passaggio automatico per i richiedenti, evitando dunque che vengano agli uffici e liberando questi di richieste che potranno essere fatte anche da casa, attraverso il web per gli anni prossimi».

«Il controllo diventa più efficiente – aggiunge il Mobility Manager del Comune Piergiorgio Pardi – Un atto dovuto, perché le Ztl non sono zone che le Pubbliche Amministrazioni individuano a caso, ma rientrano nella pianificazione ministeriale che vede nei centri storici e in alcune speciali zone della città degli spazi sensibili, da regolamentare per proteggere i cittadini dall'inquinamento e garantire sicurezza e rispetto delle regole, risolvendo anche i problemi di fruibilità che le zone centrali hanno. Come detto, alle 12 telecamere se ne aggiunge una 13esima che andrà al varco di via Regina Margherita/Viale Muzii. L'impianto di via Roma, angolo via Fabrizi, verrà spostato in via Regina Elena, angolo via De Amicis. La telecamera di via Mazzini sarà invece a servizio di Corso Vittorio Emanuele. Quella, infine di via Poerio, angolo via Mazzini verrà rimossa e posta in piazza Muzii»



LAVORI TERMINERANNO ENTRO INIZIO AGOSTO

«I tempi sono piuttosto serrati – conclude il vice sindaco Antonio Blasioli - I lavori sono stati consegnati il 5 di giugno, entro 60 giorni spostamenti e sistemazione verranno effettuati, ma prevediamo che data della riconsegna ed entrata in vigore si accorci. La ditta è una Srl aquilana, la Sipros che si è aggiudicata lavori per circa 110.000 euro già presenti nel piano triennale delle opere pubbliche, con un ribasso del 29 per cento. Con questi lavori non verranno estese le Ztl attuali, procederemo solo ad una rifunzionalizzazione dei varchi per renderle più efficienti e anche più evidenti attraverso i display, come accade in altre città dove il sistema è operativo. Non si tratta di lavori che devono incrementare le entrate, anzi, ma ci preme dare una mobilità sicura e fluida alla città, anche perché stiamo cercando di promuovere spostamenti non solo a quattro ma anche a due ruote e pedonali, riteniamo che la lotta all'inquinamento vada fatta per la salute di tutti e che ci siano delle zone particolari da tutelare, perchè più frequentate di altre, tanto da avere normative di riferimento ad hoc e nello stesso tempo informare chi accede se in quel preciso momento è attiva o meno la ZTL. Queste situazioni si avranno principalmente all'incrocio tra via De Amicis e via Regina Elena, all'incrocio tra via Regina Margherita e via Leopoldo Muzii e ancora in Corso Vittorio Emanuele in corrispondenza con Piazza della Repubblica (vecchia stazione). Ciò garantirà meno dispendio di forze di polizia Municipale poichè il controllo avverrà con le telecamere, ma anche più trasparenza delle restrizioni. Come per le prime telecamere, anche qui un volta in funzione i vuovi varchi faremo una sperimentazione di una settimana senza irrogare sanzioni proprio per venire incontro alla cittadinanza».