NELLA NOTTE

Bomba carta lanciata in giardino presidente Pescara Calcio

Episodio la scorsa notte, tre mesi fa incendiate due auto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

670

Incendio auto patron Pescara: indagati tre tifosi

Auto incendiata di tre mesi fa

PESCARA. Un petardo di grosse dimensioni, simile ad una rudimentale bomba carta, è stato lanciato nella notte, intorno alle 23 di ieri sera, nel recinto dell'abitazione del presidente del Pescara Daniele Sebastiani. Non ci sono stati danni, ma lo scoppio ha svegliato le persone che abitano nella palazzina.

Subito sono intervenuti gli agenti della Volante e poi della Digos che hanno avviato indagini. Residui del petardo sono stati sequestrati dai poliziotti per essere analizzati.

Nelle prossime ore gli investigatori esamineranno le immagini delle telecamere interne e di quelle posizionate all'esterno.

Nella notte fra il 6 e il 7 febbraio scorsi delle persone, poi risultate vicine alla tifoseria pescarese non organizzata, avevano incendiato due auto del patron sempre all' interno della villetta in viale Riviera Nord. Per quell'episodio sono state indagate tre persone, altre due sono in via di identificazione.

Sebastiani è da tempo nel mirino degli ultrà che da mesi contestano la società, disertando le gare casalinghe della squadra, già matematicamente in B.



RISCHIO POSTICIPO PESCARA-PALERMO

Intanto la concomitanza del raduno nazionale dei bersaglieri con la gara di Serie A Pescara-Palermo, domenica 21 maggio, potrebbe portare al rinvio o al posticipo della partita per motivi di ordine pubblico: il Comune e la Questura di Pescara, nelle prossime ore inoltreranno alla Lega calcio la richiesta di posticipo del match dalle ore 15 alle 20.45 o, in caso contrario, ad altra data. La 37/a e penultima giornata di campionato è programmata da regolamento tutta alla stessa ora (e lo stesso varrà per l'ultimo turno), ma si confida in un posticipo del match nella serata del 21, considerando che Pescara-Palermo non influirà sulla classifica, visto che entrambe le squadre sono già matematicamente retrocesse.



«Io non mi faccio intimidire e vado avanti per la mia strada. Ma quello che è accaduto è un episodio a dir poco deprecabile, considerando quello che ho fatto per Pescara e il Pescara negli ultimi cinque anni».

E' il commento all'ANSA dal presidente del Pescara Daniele Sebastiani dopo l'esplosione di una bomba carta nel giardino della sua casa.

«Ero rientrato da poco - ha raccontato - e all'improvviso ho sentito un boato. Sono sceso in giardino dopo che un vigilante di uno stabilimento balneare che si trova di fronte ha suonato al campanello allarmato dal fumo».

Il presidente, scosso dall'accaduto, dopo l'incendio di due sue auto tre mesi fa, ha poi aggiunto «purtroppo gli stadi sono diventati delle zone franche dove si può insultare chiunque, come accade da tempo all'Adriatico. Questa è una società di capitali in cui io e i miei soci abbiamo il 70%. Non si può andare via così dalla sera alla mattina. Ci sono firme da mettere e soldi da tirare fuori. Questo, vorrei dire a chi ci insulta, è un sodalizio di persone serie che lavorano per il bene della società».