IL PROCESSO

Carmine De Nicola chiede il patteggiamento per il prestito non restituito

Il 10 ottobre Gup deciderà sulla richiesta

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1136

Carmine De Nicola

Carmine De Nicola

PESCARA.  Conferito al perito l'incarico per la trascrizione di alcune intercettazioni telefoniche, questa mattina in tribunale a Pescara, nell'ambito del procedimento sul crac De Nicola. Il filone principale dell'inchiesta, che coinvolge complessivamente 23 persone, a partire proprio da Carmine De Nicola, imprenditore attivo nel settore delle scuole private e delle case di cura, dal suo braccio Antonio Di Ianni e da diversi professionisti abruzzesi tra i quali i commercialisti Andrea Di Prinzio e Guerino Testa, ruota attorno all'Opera scolastica L'Ausiliatrice, società con sede a Francavilla (Chieti), che ha acquisito la Sicof, destinataria nel 2007 di un mutuo da oltre 14 milioni di euro ancora scoperto. Secondo l'accusa, rappresentata dal pm Anna Rita Mantini, i fondi ottenuti attraverso un mutuo "facile", accordato dalla ex Carichieti, sarebbero stati distratti per finanziare altre attività di De Nicola, attraverso una filiera che avrebbe alla base alcune cooperative ritenute "fittizie", allo scopo di evadere il fisco e per poi "condurre dolosamente a stato d'insolvenza". Proprio il prestito da 14 milioni di euro chiama in causa alcuni ex vertici della ex Carichieti, Francesco Di Tizio e Luigi De Vitis, insieme a due periti, ma questa parte dell'inchiesta, nel corso della scorsa udienza, è stata trasferita per competenza al tribunale di Chieti.


Il gup del tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea, ha invece aggiornato al prossimo 10 ottobre l'udienza relativa al filone principale dell'inchiesta, e in quell'occasione si esprimerà sia sulla richiesta di patteggiamento avanzata da Vincenzo Di Girolamo, legale di Carmine De Nicola e sia sulla richiesta dei legali della vecchia Carichieti, che hanno chiesto di essere ammessi come parte civile nel processo.

Inoltre il pm Anna Rita Mantini, dopo che la Corte d'Appello dell'Aquila ha revocato il fallimento della società Opera scolastica L'Ausiliatrice e dopo che la stessa società è stata ammessa al concordato preventivo, oggi ha riformulato il capo d'imputazione a carico di De Nicola, originariamente accusato di bancarotta fraudolenta e adesso chiamato a rispondere di presunti illeciti commessi in ambito di concordato preventivo.