IL PROGETTO

Francavilla al Mare, demolizione palazzo Sirena: commercianti dicono sì

Luciani: «la città non è affatto divisa»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

583

palazzo sirena

FRANCAVILLA AL MARE. «Le ipotesi sul futuro di Palazzo Sirena e della nuova piazza non dividono affatto la città, come qualcun vuol far credere. Al contrario, la uniscono».

Ne è convinto il primo cittadino di Francavilla Antonio Luciani, che sulla questione ha voluto ascoltare le opinioni dei commercianti di viale Nettuno, tra i soggetti nell’ immediato più interessati dal cambiamento.

Lo ha fatto attraverso la voce del presidente dell’Associazione di commercianti Francavilla Centrale, Maurizio Rapino, che ha raccolto le opinioni dei suoi colleghi sull’ argomento e le ha portate al sindaco.

Luciani sa che con il nuovo progetto cambierà il volto storico della città andando a demolire l’«involucro totalmente inadeguato sia alle esigenze della comunità francavillese che alle normative vigenti».

«La riqualificazione urbanistica è la leva principale per lo sviluppo economico e sociale, questo percorso è già stato avviato con il rifacimento dei marciapiedi viale Nettuno e la restituzione del decoro urbano al centro cittadino», insiste il primo cittadino.

«Adesso manca l'ultimo passo, il più importante, quello che restituirà ai cittadini un centro di aggregazione della comunità, un auditorium vivo tutto l'anno e una piazza pedonale dove bambini e adulti potranno giocare e passeggiare spensierati», garantisce Luciani.

«Con il nuovo spazio speriamo di ridare lustro alla nostra passeggiata», dice Lidia La Selva del negozio Graffiomania. «Sono perfettamente d’accordo per l’abbattimento del vecchio palazzo Sirena, con il nuovo spazio di verrebbe a creare un polo d’attrazione per vivere al massimo il centro della città», dice invece Nicoletta Astrologo di Freewear abbigliamento. Stessa idea anche al Bar Chicco d’oro: «sono d’accordo all’abbattimento, ritengo che al momento sia l’unica soluzione perseguibile». Favorevoli anche alla Farmacia Basti: «permetterebbe di creare una piazza fruibile per molteplici attività» .

Antonella Stella del negozio Happy Nappy prodotti per l'infanzia sostiene che con la nuova piazza si creerà uno spazio nuovo «nel quale la gente si ritrova, per noi commercianti sarà di certo un vantaggio».

Secondo Valentina Fiore di Geox, invece, «la nuova piazza sarà un punto di partenza di una nuova economia locale». I titolari di Mizzica, gastronomia siciliana spiegano: «buttiamo giù il vecchio palazzo e costruiamo una piazza nuova con verde, panchine e giochi d’acqua che dia una aspetto dignitoso al centro di Francavilla».

Secondo Amato Bontempo, delle ceramiche Bontempo, «finalmente, con l’abbattimento del Vecchio palazzo Sirena è un auspicio per un nuovo volto del vero centro di Francavilla».

Favorevole anche Alfredo Rapino del Siren’s Corner: «Sono favorevole all’abbattimento del vecchio palazzo sirena affinché la nuova piazza dia nuova vita al centro di Francavilla»

Raffaella Di Virgili del Tennis bar sostiene che con la riduzione dei volumi «alla quale era favorevole anche il mio compianto papà, verrà fuori la vera piazza sirena».

Dalla ricognizione fatta da Rapino si dice contrario solo il titolare di Totoricevitoria di viale Nettuno: «Sono contrario all’abbattimento perché si tratta di un palazzo storico che va riqualificato».