L'EPIDEMIA

Dengue. Primo caso del 2016 in provincia de L'Aquila

Il paziente è guarito: «niente allarmismo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

237

Dengue. Primo caso del 2016 in provincia de L'Aquila



 

L'AQUILA. Primo caso di Dengue in provincia dell'Aquila. L'infezione virale tipica delle zone tropicali è stata diagnosticata su un giovane abruzzese tornato a casa dopo un viaggio in un Paese del sud-est asiatico. Ne dà notizia, in una nota, la Asl di Avezzano-Sulmona-L'Aquila. L'uomo, dopo il ricovero e le cure all'ospedale dell'Aquila, San Salvatore, riferisce la Asl "si è ristabilito ed è stato dimesso". Quindi l'appello dei medici a non fare allarmismi. "La malattia - sottolineano il direttore del reparto di malattie infettive del San Salvatore, Alessandro Grimaldi, e la direttrice del Laboratorio analisi dello stesso nosocomio, Simonetta Santini - non è presente in Italia dove c'è solo un potenziale pericolo. È però opportuno che, chi torna da un viaggio nei paesi interessati dalla patologia, si sottoponga a controlli: l'ospedale aquilano è stato tra i primi in Abruzzo a mettere a punto test specifici per queste diagnosi". Il paziente lamentava febbre alta, dolori alle articolazioni, calo marcato di piastrine e globuli bianchi nonché un'epatite acuta, su cui gli antibiotici si erano rivelati inefficaci. Segnali in larga misura riconducibili a malattie più comuni come la malaria, riferisce la Asl aquilana. Dopo alcuni giorni di ricovero nel reparto di malattie infettive l'uomo si è gradualmente ristabilito fino a essere dimesso. La diagnosi della Dengue è stata confermata dopo accurati e approfonditi accertamenti. "Un altro caso di questa infezione venne diagnosticato in Abruzzo nel 2014 mentre, sempre nello stesso anno, in Emilia Romagna ve ne furono 17", ricorda la Asl.