L'INCHIESTA

Ubiquità. Al lavoro contemporaneamente a Chieti e sul Garda: due medici denunciati

Indagine della guardia di finanza incastra e certifica i falsi. Danno da 100mila euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1468

Ubiquità. Al lavoro contemporaneamente a Chieti e sul Garda: due medici denunciati

CHIETI. I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Chieti coordinati dal Colonnello, Vittorio Mario Di Sciullo, hanno concluso una complessa indagine di polizia giudiziaria in materia di reati contro la pubblica amministrazione.

L’attività, delegata dalla Procura della Repubblica di Vasto, ha riguardato accertamenti nei confronti di due medici (di cui non sono state rese note le generalità) in servizio presso l’Azienda Sanitaria Locale di Lanciano-Vasto-Chieti.

Le attività investigative condotte dalle fiamme gialle, attraverso l’acquisizione di dati e notizie presso le sedi Asl di Lanciano-Vasto-Chieti e Brescia, hanno consentito di accertare che, dal 2009 al 2013, due medici, in servizio come Guardie Mediche, presso il Servizio di Continuità Assistenziale di Celenza sul Trigno e San Salvo hanno fatto risultare, falsificando i registri di presenza, di aver effettuato, contemporaneamente negli stessi giorni ed ore, anche l’attività di Guardia Turistica presso la postazione di Limone sul Garda (BS), come se fossero dotati del dono dell’ubiquità.

Ulteriori accertamenti hanno fatto inoltre emergere che, i due sanitari, in base alla normativa vigente, non avrebbero comunque potuto svolgere incarichi presso entrambe le Asl per una incompatibilità di incarico prevista normativamente.

Secondo quanto contestato dalla procura la condotta che si presume illecita e consistente nella redazione fraudolenta di documenti di presenza non veritieri, i due medici hanno procurato a se stessi, a danno delle Aziende Sanitarie interessate, un ingiusto vantaggio economico ammontante, negli anni, a circa 100.000,00 Euro.

Entrambi i professionisti, per i fatti contestati, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per truffa aggravata ai danni dello Stato e false attestazioni di presenza in servizio.

Oltre alla denuncia per il reato commesso, potranno essere chiamati dalla Corte dei Conti a risarcire il danno patrimoniale, pari al compenso corrisposto a titolo di retribuzione nei periodi per i quali è stata accertata la mancata prestazione, nonché il danno all’immagine subito dall’Ente pubblico.

La lotta all’illegalità nella Pubblica Amministrazione costituisce una priorità per il Corpo al fine di garantire ai cittadini livelli nei servizi pubblici adeguati rispetto all’ammontare delle risorse che sono messe a disposizione.