PAURA NELLA NOTTE

3.36: TERREMOTO IN UMBRIA AVVERTITO IN TUTTA ITALIA. MAGNITUDO 6.0

In Abruzzo si è rivissuto il terrore del 6 aprile 2009 quando L'Aquila è stata rasa al suolo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9596

3.36: TERREMOTO IN UMBRIA AVVERTITO IN TUTTA ITALIA. MAGNITUTO 6.0

Amatrice

ABRUZZO. Forte scossa di terremoto, alle 3.36, magnitudo 6.0, nella notte tra Perugia e Rieti.
Il sisma è stato avvertito in tutto il centro Italia.
La scossa è stata avvertita distintamente anche in Abruzzo.
A L'Aquila la gente è scesa in strada.
Tante le chiamate al 118 per malori e paura, ma nessun caso grave.
Gente in strada anche a Pescara e Teramo, dove la scossa si è sentita distintamente. Per ora non sono segnalati danni.
Il sisma è stato avvertito anche in Molise, nell'Isernino

Il primo cittadino di Chieti, Umberto Di Primio, via Facebook pochi minuti prima delle 4 ha annunciato che è stato attivato il Coc (centro operativo comunale) per far verificare la situazione in città. Al momento, dopo la scossa di terremoto di 6.2 gradi con epicentro (al momento) tra Rieti e Norcia, non ci sono danni evidenti, spiega Di Primio.
Fuori uso invece il sito dell’Ingv che fornisce in tempo reale la lista delle scosse.

In Abruzzo si è rivissuto il terrore del 6 aprile 2009 quando alle 3.32 il sisma devastò L'Aquila ed i comuni limitrofi.

«Anche noi qui al rifugio siamo stati svegliati da una forte scossa di terremoto», si legge sulla pagina Facebook del Rifugio Franchetti che si trova a 2433 metri, sul Gran Sasso. «Nella nebbia si è sentito un forte rumore di crollo dalla parete est del Corno Piccolo: al momento non si vede di quale entità, ma l'impressione è che sia venuto giù un bel pezzetto di montagna...L'incubo è tornato».

Il presidente Luciano D’Alfonso, sempre via Facebook, ha diffuso invece il suo numero telefonico:  «i miei telefoni sono attivi. Eventuali segnalazioni mi trovano attivo».

LA TERRA TREMA ANCORA

Alle 4.34 nuova replica di 5.9 avvertita anche in Abruzzo, Lazio e Umbria. Probabile stesso epicentro.

La protezione civile sta eseguendo sopralluoghi nell’Aquilano, zona Montereale, per alcuni crolli segnalati.

Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice, comune del Lazio a una quindicina di chilometri dal confine con l’Abruzzo, a RaiNews 24 parla di «dramma»: «le strade sono isolate, metà paese non c’è più, siamo senza luce e c’è gente sotto le macerie. Abbiamo bisogno di aprire le strade d’accesso, c’è una frana e un ponte che sta crollando. Quartieri interi che non ci sono più».

4.05. LA SEQUENZA SISMICA

La prima scossa è stata avvertita alle 3.36, magnitudo 6, epicentro Rieti.  Una seconda scossa con epicentro Ascoli Piceno, alle 3.40, magnitudo 3.8. Un minuto dopo, alle 3.41, magnitudo 3.9, epicentro Perugia.  Alle 3.46 nuova scossa, sempre con epicentro Perugia, di magnitudo 3.7.

Alle 3.56 ancora una scossa, magnitudo 4.4, con epicentro Rieti con repliche alle 4.05 (magnitudo 3.9), alle 4.07 (magnitudo 3.8), 4.19 (magnitudo 3.8), 4.28 (magnitudo 3.2).

Alle 4.30 scossa di magnitudo 3.4 a Perugia e altre due, con stesso epicentro alle 4.32 (magnitudo 5.1) e alle 4.33 (5.4).

Alle 4.44 scossa di magnitudo 2.8 con epicentro a Rieti e alle 4.51 scossa di magnitudo 3.7 con epicentro Ascoli Piceno.  

Le altre scosse: 4.54 magnitudo 3.1, epicentro Rieti; 4.55 magnitudo 3.5 epicentro Rieti; 4.59 magnitudo 4.1, epicentro Perugia, 5.01 magnitudo 3.1 epicentro Ascoli, 5.05 magnitudo 2.6 epicentro Perugia, 5.08 magnitudo 4 epicentro Rieti, 5.09 magnitudo 3.7 epicentro Rieti, 5.11 magnitudo 3.4 epicentro Rieti, 5.13 magnitudo 3.2 epicentro Rieti; 5.16 magnitudo 3.5 epicentro Rieti; 5.17 magnitudo 3.8 epicentro Perugia; 5.19 magnitudo 3.7 epicentro Ascoli, 5.22 magnitudo 3.1 epicentro Perugia; 5.50 magnitudo 4.2 epicentro Rieti; 5.42 magnitudo 2.8 epicentro Rieti.

4.11. CROLLI A MONTEREALE (AQ)

La protezione ci vile abruzzese segnala crolli a Montereale 22 chilometri da Amatrice. Intanto è pronta una colonna mobile per inviare aiuti ad Amatrice dove si registrano danni ingenti e feriti.

4.50. A TERAMO QUALCHE PROBLEMA ALL’OSPEDALE

«Qualche intonaco caduto», all’ospedale di Teramo, riferisce il sindaco Maurizio Brucchi. «Tanta paura tra i pazienti. Un pò di caos al pronto soccorso». Per il resto in città anta paura, gente in strada, conferma sempre il primo cittadino, ma per ora non si registrano danni a cose e persone. Nessuna segnalazione a vigili del fuoco e prefettura. Vigili urbani in giro.

5.01. «SISMA SEVERO»

Un «sisma severo» con «feriti e crolli importanti». Lo ha detto a RaiNews24 il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. Il Dipartimento della Protezione civile è in contatto con tutti i territori colpiti, come ad Amatrice, dove sono in arrivo i mezzi speciali: così rende noto Palazzo Chigi, con un post su Twitter.

5.13. A L’AQUILA SITUAZIONE TRANQUILLA

Il Comune de L’Aquila annuncia che alle quattro di stamani è stato attivato il Centro operativo del Comune nella sede di via Ulisse Nurzia.

L’ospedale San Salvatore è già pronto per la necessaria assistenza ai feriti provenienti dalle aree interessate dal sisma.

Le squadre dei tecnici del Comune dell’Aquila hanno avviato immediatamente i primi sopralluoghi, cominciando dal centro storico della città. Al momento non sono stati segnalati danni nelle principali aree centrali e appaiono integri tutti i cantieri attivi per la ricostruzione post sisma 2009.

Il sindaco Massimo Cialente, in viaggio verso Amatrice con l’Assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano, ha messo a disposizione 250 alloggi del Progetto Case per gli sfollati dell’area colpita dal terremoto e ha comunicato la notizia al Capo della Protezione civile nazionale, Fabrizio Curcio.

5.30. IN ABRUZZO NON CI SONO DANNI INGENTI

A L’Aquila la protezione civile ha effettuato sopralluoghi e non sono stati riscontrati danni particolari.

Il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso spiega che non risultano al momento danneggiamenti ad opere pubbliche.

6.07. CONTROLLI SU VIADOTTI A25 NELL'AQUILANO

A seguito del terremoto alcuni giunti di pilastri che sorreggono i viadotti della A25 tra Pratola e Cocullo (L'Aquila), dalle prime informazioni, si sarebbero mossi. Al momento sono in corso controlli da parte dei tecnici della Strada dei Parchi, anche se al momento la circolazione resta comunque aperta e regolare.



7.50. VERIFICHE IN AUTOSTRADA. TRENI FERMI

Controlli ancora in corso sulla A24 e A25 si segnala qualche giunto fuori asse di lcuni viadotti nella zona di Pratola Peligna.

RFI comunica che la linea ferroviaria Adriatica in attività Giulianova-Teramo è temporaneamente sospesa per l’effettuazione delle dovute verifiche. Per lo stesso motivo è sospeso il transito ferroviario anche sulla linea Avezzano-Roma. Per entrambe sono state attivate forme di mobilità sostitutiva a mezzo di pullman.


Il sottosegretario Mario Mazzocca invece spiega che «una colonna della protezione civile abruzzese e' partita per allestimento del campo con tende unitamente a n.10 unità cinofile.

In viaggio anche 3 autoambulanze 118 di Pescara e 2 di Chieti con destinazione Campo Sportivo di Amatrice per prestare soccorso sanitario»


8.01. ABRUZZO SOLO CADUTA DI CALCINACCI E CORNICIONI

Il sottosegretario Mario Mazzocca arrivato in sala oeprativa segnala la caduta di cornicioni nella zona di Montereale (Aq) ma non danni strutturali.

Conclusi i sopralluoghi alla diga di Campotosto senza segnalazioni di rilievo.

A L’Aquila una ordinanza del prefetto invita alla cautela la popolazione in transito nei pressi degli edifici già danneggiati dal sisma del 2009.

Controlli sono partiti su tutte le strutture per garantire l’assoluta stabilità degli edifici.

Guardando le immagini di Amatrice sembra un miracolo che in Abruzzo a pochi chilometri questa volta non ci siano stati danni.


ABRUZZO. I recapiti utili 0862 311526. Numero verde 800860146