LA DIFESA

Tentato omicidio Pescara: la moglie si dichiara innocente

L’avvocato chiederà domiciliari per problemi di salute

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

477

Tentato omicidio Pescara: la moglie dichiara innocente

PESCARA. Si dichiara innocente ed estranea ai fatti contestati Daniela Lo Russo, la 42enne accusata, insieme al figlio Michele Gruosso, 22 anni, di tentato omicidio nei confronti del marito, un 52enne di Spoltore (Pescara), finito in più volte in ospedale dopo aver ingerito in dosi abbondanti un anticoagulante che gli sarebbe stato somministrato, secondo l'accusa, proprio da madre e figlio.

In Tribunale a Pescara, nel corso dell'interrogatorio di garanzia dinanzi al Pm Rosangela Di Stefano e al Gip Gianluca Sarandrea, la donna ha parlato per un'ora e mezza, respingendo ogni addebito.

Ieri l'interrogatorio era slittato perché il suo ormai ex avvocato Leonardo Casciere si era dichiarato incompatibile, in quanto già difensore del figlio che aveva addossato le responsabilità dei fatti addebitati solo alla donna.

Questa mattina la 42enne, che ieri aveva avuto un leggero malore, era accompagnata dal nuovo legale, Giancarlo De Marco (nominato ieri pomeriggio) il quale, all'uscita dall'aula, ha detto: «La signora ha spiegato tutto quello che le è stato chiesto, sostenendo di non aver partecipato a nessuna azione nei confronti del marito».

Su un'eventuale insussistenza del reato, l'avvocato De Marco ha aggiunto: «Una cosa è dire se la signora ha commesso o meno il reato, un'altra è dire se sussiste il reato. Perché l'una porterebbe a dire che il reato c'è, ma la signora non lo ha commesso. L'altra potrebbe portare a dire che il reato di tentato omicidio non sussiste. Le intercettazioni? Non le ho ancora lette, ma potrebbe darsi che l'azione sia stata posta in essere, perché no, anche da una terza, quarta persona e non da chi oggi è accusato. Perché - ha detto ancora il legale - il farmaco non potrebbe essere stato propinato da altri? E' ancora tutto da verificare».

Intanto nelle prossime ore la difesa potrebbe chiedere per motivi di salute la misura degli arresti domiciliari per la donna che, dopo l'udienza, è stata riaccompagnata nella casa circondariale Madonna del Freddo di Chieti.

Ieri l’interrogatorio del figlio è stato secretato mentre sempre nella giornata di ieri Andrei Edwin Zabala Mosquera, 30 enne colombiano residente a Silvi, davanti al Gip Sarandrea e alla pm Rasangela Di Stefano ha ammesso di aver aggredito il 52 enne di Spoltore.

L’uomo, assistito dall’avvocato Alessandro Arienzo, ha sostenuto che Daniela Lo Russo e suo figlio Michele Gruosso sono i mandanti: «Dovevo solo dargli una lezione – avrebbe detto al gip – Dovevo colpirlo in modo lieve e non ucciderlo».

«Il mio assistito – ha detto l’avvocato Arienzo al termine dell’interrogatorio – ha chiarito tutti gli aspetti della vicenda e le dinamiche reali. Ha ammesso l’aggressione, ma si e’ dichiarato innocente rispetto ad un suo coinvolgimento per quanto concerne tutti i fatti piu’ gravi, relativi cioè all’accusa di tentato omicidio, tantomeno era conoscenza del presunto avvelenamento con anticoagulanti».