MEGLIO PRIMA

Sisma L'Aquila: Montorio approva i piani di ricostruzione dopo 7 anni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

128

Sisma L'Aquila: Montorio approva i piani di ricostruzione dopo 7 anni


MONTORIO AL VOMANO.  A sette anni dal sisma dell'Aquila l'amministrazione comunale di Montorio al Vomano (Teramo) si avvia ad approvare, domani sera, il piano di ricostruzione delle frazioni di Faiano, Collevecchio, Leognano, Cusciano e del borgo di San Lorenzo.

Un appuntamento che vedrà la partecipazione, al consiglio comunale convocato per l'occasione e che si terrà proprio a Faiano, l'assessore regionale ai lavori pubblici riferiti ai territori comunali Donato Di Matteo e al quale seguirà, il 5 agosto, l'adozione del piano di ricostruzione del centro storico di Montorio. A darne notizia è l'assessore alla ricostruzione del Comune di Montorio Andrea Guizzetti.

«Dopo mesi di duro lavoro siamo alla svolta - afferma l' assessore Andrea Guizzetti - i piani di ricostruzione sono pronti. Domani il consiglio comunale adotterà il piano per le frazioni denominato ambito 1, si aprirà così un arco temporale in cui cittadini, tecnici, presidenti dei consorzi ed il Comune stesso, potranno fare osservazioni, dopodiché ci si avvierà alla fase finale di approvazione con il nullaosta della struttura centrale di Fossa (Usrc), prevista per fine anno. Da allora potranno essere presentati i progetti e partire finalmente i lavori tanto attesi». E se domani il consiglio approverà i piani per le frazioni, il 5 agosto sarà la volta del piano del centro storico di Montorio. Appuntamento, quest'ultimo, al quale sarà presente il consigliere regionale Sandro Mariani.

«Ci si avvia verso la fase più importante della ricostruzione - conclude Guizzetti - pertanto con questa occasione lancio la proposta sin da ora di istituire un Osservatorio, strumento che consente di fare prevenzione monitorando costantemente l'operato delle ditte impegnate nella ricostruzione al fine di garantire la legalità, applicazione delle norme, rispetto dei contratti, sicurezza e un'equa remunerazione delle maestranze».