CONTI IN COMUNE

Giulianova, mazzate da 700 mila euro per il Comune di Giulianova

5 Stelle: «indebitamento per 40 anni»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

181

ESPROPRIO


GIULIANOVA. 700 mila euro di problemi per le casse del Comune di Giualianova.

A lanciare l’allarme è il Movimento 5 Stelle che tira le somme sulle ultime sventure finanziare dell’amministrazione cittadina, colpita in verità anche da qualche sciagura che ripiomba dal passato.

«I Giuliesi dovranno subire l’ennesimo salasso: tanti debiti frutto delle cattive amministrazioni che vengono fuori pian piano e che saranno naturalmente pagati con i sacrifici della cittadinanza», denunciano i 5 Stelle.
L’esproprio del Parco Franchi pagato 4,5 milioni è l’eredità politica di Antonio Franchi, ricordano i pentastellati.

Un debito iniziale di qualche milione di vecchie lire che negli anni, oltre 40, è cresciuto sino a raggiungere i 4milioni e 200mila euro, ovvero più di 8 miliardi e 300milioni del vecchio conio.

Una cifra sproposita che il Comune di Giulianova deve versare sul conto in banca degli eredi del parco Franchi, oggi parco degli Eucalipti, per l’esproprio dell’area su cui oggi sorge uno dei polmoni verdi più importanti della città.

Poi c’è la mazzata dei 300.000 per l’Ambito sociale Tordino, in riferimento agli anni 2011-2012, debiti della giunta Mastromauro. Qualche giorno fa intanto il Comune di Giulianova ha liquidato il secondo acconto all’Ambito sociale Tordino, che si occupa di assistenza a anziani e disabili, di 149mila euro. Nulla a che vedere con il debito ma una cifra che secondo lo statuto, infatti, gli enti consorziati (in questo caso Giulianova, Mosciano Sant’Angelo e Bellante) sono tenuti a versare all’Ambito, entro il 15 gennaio, il 30 giugno e il 10 novembre di ogni anno, anticipi del 30% dell’importo complessivo. Per l’anno corrente, il Comune di Giulianova ha previsto in bilancio di erogare all’Ambito la somma di 682mila euro (circa 300mila in meno rispetto lo scorso anno).

In più ci sono i debiti che dovranno essere pagati dai comuni del consorzio al momento dello
scioglimento tra due anni, circa 1 milione di euro per il comune di Giulianova.

«Il Comune», ricordano ancora i 5 Stelle, «è stato condannato in secondo grado pochi giorni fa al pagamento di 378.000 per l’ esproprio del 1976 dei terreni di via Ippodromo dove ora sorge il complesso degli impianti sportivi». Gli eredi Sodo-Migliori-Cerulli-Irelli, però, si sono opposti a tale sentenza, chiedendone l’annullamento e il conteggio del maggior danno e la rivalutazione monetaria. In ogni caso un’altra mazzata per il Comune che nel giro di due anni è costretto a pagare un altro esproprio dopo quello del parco Franchi, anche se meno oneroso.

In questo ultimo caso il Comune ha affidato il ricorso ad un avvocato con una parcella di 34.000 euro, «per una causa che verrà probabilmente persa», profetizzano i 5 Stelle. «Totale 700.000 euro (per il momento) che andranno a zavorrare il già precario bilancio comunale per i debiti contratti e mai pagati negli
ultimi 40 anni».