SANITA'

L’ospedale di Sulmona perde 20 posti ma aumentano unità operative

Valle Peligna, Gerosolimo fa il punto con i sindaci in attesa dei cambiamenti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

435

L’ospedale di Sulmona perde 20 posti ma aumentano unità operative

SULMONA. Si è tenuto ieri nell’ufficio del sindaco di Sulmona un incontro dell’assessore Regionale alle Aree Interne Andrea Gerosolimo con il presidente della Provincia Antonio De Crescentis e i sindaci dei Comuni della Valle Peligna.

C’erano gli amministratori di Pacentro, Corfinio, Sulmona, Anversa Degli Abruzzi, Roccapia, Roccacasale, Prezza, Bugnara, Anversa, Villalago, Pratola Peligna, Campo Di Giove, Introdacqua, Pettorano Sul Gizio, Cocullo Cansano, Vittorito e Raiano.
L’incontro è stato voluto proprio da Gerosolimo per aprire un confronto con le principali istituzioni del territorio in relazione alle scelte di programmazione sanitaria che da qui a qualche giorno saranno adottate dal Commissario ad acta, Luciano D’Alfonso.
Il presidio ospedaliero di Sulmona sarà dotato di 162 posti letto a fronte dei 146 attuali conservando 4 unità operative complesse (Cardiologia, Chirurgia, Medicina Generale e Ortopedia).
Le unità operative semplici passeranno da 9 a 14 ed è prevista la permanenza delle unità operative e dei servizi attualmente presenti nell’ospedale di Sulmona.
I sindaci hanno preso atto che la nuova programmazione prevede il potenziamento delle unità operative di medicina generale e di ortopedia e l’attivazione di una ulteriore unità operativa complessa quale quella di lungodegenza (dotata di 15 posti letto).
Tutti soddisfatti per l’inserimento della Utic di Sulmona nella rete per l’infarto miocardico acuto e per l’inserimento nella rete regionale dell’Ictus con l’esplicita previsione di una unità operativa di neurologia dotata di 10 posti letto e della Stroke Unit.
L’assessore ha comunicato ai sindaci che la Regione Abruzzo ha disposto l’autorizzazione
all’acquisto della risonanza magnetica da destinare al presidio ospedaliero di Sulmona, per la quale
c’era viva attesa da diversi anni.
I sindaci hanno preso atto del mantenimento dell’unità operativa dedicata alla Ostetricia e Ginecologia e hanno espresso l’intento unanime di mantenere viva l’attenzione sul punto nascita di Sulmona.
Accanto all’analisi della nuova rete ospedaliera i sindaci si sono riservati momenti di
incontro dedicati all’organizzazione territoriale dell’offerta sanitaria.