FONDI PUBBLICI

Valle Peligna: 3 milioni per 62 nuovi posti di lavoro

Sì a contratti di Sviluppo

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

136

Valle Peligna: 3 milioni per 62 nuovi posti di lavoro



SULMONA. Tre milioni di finanziamento pubblico per un investimento complessivo sul territorio di 10 milioni di euro.

Sono questi i numeri del Contratto di sviluppo Valle Peligna che nel pomeriggio è stato firmato a Sulmona dal vicepresidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli e gli amministratori delegati delle cinque grandi aziende che hanno aderito con successo al bando Par-Fsc.

I cinque Contratti di sviluppo porteranno sul territorio un incremento occupazionale di 62 unità, «certamente non grandi numeri - ha detto il vicepresidente Lolli - ma numeri che invertono una tendenza e che soprattutto stanno a dimostrare che su questo territorio vale la pena ancora investire e presentare proposte di sviluppo». Alla sottoscrizione dei Contratti di sviluppo era presente anche l'assessore alle Politiche del lavoro, Andrea Gerosolimo, che ha parlato di «momento importante per la Valle Peligna e per la città di Sulmona, che apre le porte alla nuova stagione dei fondi strutturali Fesr e Fse i cui bandi sono in procinto di essere pubblicati. Sono convinto - ha aggiunto Gerosolimo - che l'area fornirà le risposte giuste anche di fronte all'opportunità dei fondi strutturali, così come ha fatto per il bando che stiamo formalmente chiudendo oggi».

E proprio su questo aspetto ha concentrato il suo intervento il vicepresidente Lolli. «Il territorio ha dato risposte convincenti. In altre realtà con le stesse difficoltà economiche e occupazionali abbiamo ottenuto risposte nettamente inferiori alle aspettative, per questo siamo sempre più convinti che sulla Valle Peligna è doveroso continuare ad investire».

Il vicepresidente Lolli e l'assessore Gerosolimo hanno poi posto l'accento sulla dichiarazione per la Valle Peligna di area di crisi semplice.

«Stiamo attendendo che il Governo metta a punto la normativa e poi la Giunta regionale avvierà l'iter per l'individuazione delle aree di crisi in base ai parametri nazionali. La Valle Peligna sarà sicuramente dentro l'elenco regionale e questo permetterà di accedere ai finanziamenti della legge nazionale 181 gestiti direttamente da Invitalia».

Proprio su questo aspetto, l'assessore Gerosolimo ha confermato che «i fondi strutturali prevederanno per le aree interne e le aree di crisi corsie preferenziali sul modello già adottato nel bando 30+».

Nello specifico, i Contratto di sviluppo Valle Peligna finanzieranno cinque progetti: Manhattan Srl, 561 mila euro di finanziamento pubblico per un investimento di 1,4 milioni di euro e 20 posti di lavoro; Medibev Spa, finanziamento pubblico di 865 mila euro per un investimento di 1,8 milioni di euro e 20 posti di lavoro; Tesla Grenn Power Srl, 533 mila euro di finanziamento pubblico per un investimento di 2,7 milioni di euro e 3 posti di lavoro; Maison & Co Srl, 395 mila euro di finanziamento pubblico per un investimento di 1,3 milioni di euro e 15 posti di lavoro; Pantex International Spa, 670 mila euro di finanziamento pubblico per un investimento di 2,7 milioni di euro e 4 posti di lavoro.