LA PROTESTA

Canoni aumentati, protesta davanti sede Consorzio Bonifica

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

261

Canoni aumentati, protesta davanti sede Consorzio Bonifica

CHIETI. Cia, Confagricoltura e Copagri hanno portato davanti al Consorzio di Bonifica sud di Vasto sin da questa mattina oltre 50 agricoltori per protestare contro gli aumenti del 57% del canone consortile, decisi dall'ex commissario Giampiero Leombroni.

Una delegazione ha incontrato l'attuale commissario, Rodolfo Mastrangelo, a cui ha ribadito la contrarietà agli aumenti, che rischiano di affossare un settore già fortemente provato, lamentando la mancanza di stanziamenti per il Consorzio nel bilancio di previsione 2016 della Regione. La delegazione ha fatto anche presente come la sopportazione degli agricoltori sia arrivata ormai al limite e come anche la manifestazione di oggi abbia avuto lo scopo di incanalare la protesta su binari civili, con le stesse organizzazioni impegnate a fare da filtro. La delegazione era formata dal presidente provinciale della Confederazione italiana agricoltori, Nicola Antonio Sichetti, dal direttore Alfonso Ottaviano, dal presidente regionale dell' Associazione giovani imprenditori agricoli di Cia Alessandro Impicciatore, dal vice presidente provinciale Copagri, Tommaso Dell'Oso e da altri agricoltori in rappresentanza del Vastese e del Sangro. Mastrangelo, dopo aver esposto i positivi risultati dell'opera di risanamento avviata, ha ribadito la possibilità di abbassare il canone a patto che la Regione stanzi un contributo straordinario, a fronte di un deficit del Consorzio che ammonta a 20 milioni di euro.

Mastrangelo ha anche detto di aver avuto assicurazioni da parte dell'assessore regionale al Bilancio, Silvio Paolucci, di voler inserire lo stanziamento a favore dell'ente consortile negli assestamenti di bilancio previsti per metà luglio. Se la Regione stanzierà tale contributo, Mastrangelo si è detto pronto a decidere come utilizzarlo insieme alle organizzazioni di categoria nell'ambito dell'apposita Consulta del Consorzio. Sarà quella la sede per vedere se è possibile abbassare le rate che restano da pagare oppure recuperare quanto già versato come un anticipo sul canone 2017.


«Se avremo finalmente questo contributo straordinario - ha detto Sichetti - cercheremo dunque insieme al commissario la soluzione più equa per tutti. Al momento restiamo in attesa della Regione e, nel frattempo, registriamo la nuova apertura del commissario Mastrangelo, al quale confermiamo apprezzamento per il percorso di rilancio del Consorzio e anche per i servizi che sta erogando in questi giorni. Domani intanto ci sarà il secondo giorno di protesta e poi ci fermiamo. Non abbiamo, però, intenzione di abbassare la guardia sin quando non verranno mantenute le promesse fatte».