RESA DEI CONTI

Abruzzo, frodi per fondi Ue e nazionali per 6,8 mln

Lavoro intenso nei primi 5 mesi dell’anno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

468

Abruzzo, frodi per fondi Ue e nazionali per 6,8 mln

L’AQUILA. Ammontano a 6 milioni 837 mila euro i fondi indebitamente percepiti/richiesti a carico del bilancio dell'Unione europea (577.946 euro) e relativi agli incentivi nazionali (6.259.114 euro).

Le presunte frodi sono state scoperte dai vari Reparti della Guardia di Finanza dell'Abruzzo nei primi 5 mesi del 2016 e resi noti stamane a L'Aquila dal comandante regionale, il generale di Brigata Flavio Aniello, in occasione della celebrazione del 242esimo anniversario del Corpo.

«L'azione dei finanzieri nel segmento della 'spesa pubblica', coerentemente con gli obiettivi fissati dall'Autorita' di Governo con i processi di 'spending rewiew' - ha spiegato Aniello - e' stata finalizzata a garantire che le risorse pubbliche siano state effettivamente destinate al sostegno delle fasce piu' deboli della collettivita', e a contrastare le forme piu' gravi di truffa, frode e sperpero di denaro pubblico. I Reparti hanno costantemente controllato che i soggetti percipienti gli incentivi per attivita' produttive fossero effettivamente in possesso dei requisiti previsti per l'assegnazione delle somme pubbliche, con contestuale verifica della genuinita' della documentazione a sostegno degli stessi».

21 PERSONE DENUNCIATE

Nell'ambito della richiesta di risorse a carico del bilancio dell'Ue i controlli sono stati 21, altrettante le persone denunciate. I contributi controllati equivalgono a quelli che si ritiene essere stati indebitamente percepiti/richiesti (577.946 euro).

Venti i controlli eseguiti per la richiesta di incentivi nazionali culminati con 24 denunce. In questo caso i contributi sottoposti all'analisi dei finanzieri ammontano a poco piu' di 29 milioni 791 mila euro e i sequestri a 491.972 euro. Verifiche non sono mancate sugli appalti pubblici dove i controlli sono stati 5 e i soggetti denunciati 17. E' di 20 milioni 419 mila euro il valore degli appalti controllati e per la finanza le somme oggetto di assegnazione irregolare sfiorano i 19 milioni di euro. Sulla spesa previdenziale sono stati effettuati 11 controlli con la denuncia di 26 persone e una frode accertata pari a 275.530 euro.

REATI CONTRO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dalla relazione del generale Aniello emerge, inoltre, che per i reati contro la pubblica amministrazione sono stato compiuti 26 controlli che hanno portato alla denuncia di 68 persone di cui 3 in stato di arresto. In quanto a responsabilita' per danni erariali si sono contati, sempre nei primi 5 mesi dell'anno, 36 controlli con 63 soggetti segnalati. Il danno erariale ammonta a 13 milioni 906 mila euro con proposte di sequestro pari a 1 milione 593 mila euro.

LA SPESA SANITARIA

«I finanzieri - ha aggiunto il comandante nel corso del suo intervento - hanno anche vigilato sull'efficiente e corretta gestione della spesa sanitaria, anche appurando la veridicita' dei documenti giustificativi delle spese mediche e contrastando ogni forma di spreco, inefficienza, abuso e distrazione di somme per interessi privati, dal momento che sono proprio tali comportamenti che generano disavanzi di gestione con conseguente peggioramento della qualita' delle prestazioni assicurate ai cittadini. Marcata anche l'azione a garanzia delle persone veramente bisognevoli di tutela sociale, svolta mediante l'approfondimento delle reali condizioni di reddito dei richiedenti l'accesso alle cosiddette "prestazioni sociali agevolate", rispetto a quanto da essi esposto nelle apposite autocertificazioni».

In tale contesto sono stati eseguiti 87 controlli con irregolarita' riscontrate in 11 di essi (12,64%). Sette i soggetti verbalizzati. L'operato delle Fiamme Gialle ha consentito da un lato il recupero delle risorse gia' percepite mediante l'adozione di adeguate misure di aggressioni patrimoniali, ove possibile, e dall'altro di assicurare l'immediata cessazione di indebite erogazioni, cosi' determinando risparmi per il futuro, a vantaggio di coloro che hanno effettivo titolo a percepirle.