I DATI

Ballottaggi Abruzzo: lo spoglio in diretta

Affluenza delle 19 conferma calo al secondo turno. Attesa in 6 Comuni abruzzesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2007

Comunali Abruzzo 2016, lo spoglio in diretta. Record nel teramano con affluenza al 70,8%

ABRUZZO. Il dato complessivo sull'affluenza delle 19 in Abruzzo conferma una tendenza al ribasso ormai consolidata: la percentuale degli elettori ha toccato il 41,04%%, contro il 51,85% del primo turno.

Flessione di votanti in tutte le province, con un picco nell’Aquilano con il 38,7% (contro il 50,4% del primo turno).

Sono 6 i Comuni abruzzesi che aspettano di conoscere i nuovi sindaci: Lanciano, Vasto, Roseto, Sulmona, Civita d’Antino e Ortucchio.

In questo secondo turno amministrativo un pensiero a chi, in verità già da ieri, ha lavorato oggi nei seggi lo ha rivolto il presidente del Senato Pietro Grasso: «Grazie a chi sta lavorando per assicurare agli elettori il diritto di votare», ha scritto su twitter, allegando anche una sua foto al seggio elettorale.


ORE 23.15 - DATI DEFINITIVI

Ad Ortucchio ha votato l’80,5% rispetto al 79,9% del primo turno, a Civita D’Antino il 52% contro il 50,7% del primo turno. A Sulmona ha votato il 48,8% contro il 65% del primo turno.


23.18 – A LANCIANO PUPILLO IN VANTAGGIO

A Lanciano il sindaco uscente Mario Pupillo, dopo le prime 4 sezioni scrutinate, è in netto vantaggio su D’Amico con il 73,9% delle preferenze. A meno di grosse sorprese la strada del primo cittadino uscente appare spianata.


23.30 – A SULMONA CASINI FESTEGGIA

A Sulmona Annamaria Casini, spalleggiata dall’assessore regionale Andrea Gerosolimo, è in netto vantaggio e ha già ufficiosamente festeggiato la vittoria. Dopo 4 mila schede scrutinate è in netto vantaggio sullo sfidante Di Masci con il 64% delle preferenze.


23.35 A ROSETO SCONFITTA PER SINDACO USCENTE

A Roseto appare netta fin da subito la sconfitta del sindaco uscente. Di Girolamo, candidato del centrosinistra, dopo le prime sezioni scrutinate è in vantaggio con il 73,6% sullo sfidante Pavone fermo al 26%.


23.58 – ANNAMARIA CASINI PRIMO SINDACO DONNA: «ABBIAMO VOLTATO PAGINA»

Festeggia il neo sindaco di Sulmona Anna Maria Casini (la prima donna eletta a capo della giunta) che ai microfoni di Rete 8 annuncia: «abbiamo girato pagina, Sulmona ora è sulla giusta retta. Sono felicissima, è stato un lavoro durissimo con una squadra eccezionale. Abbiamo davanti un percorso importante di ricostruzione». Tra pochi giorno sarà ufficializzata la giunta.

«Avevamo contro tutti», ha commentato invece l’assessore regionale Andrea Gerosolimo. «E’ stata una campagna elettorale delle bufale.  Il Pd in città non è stato capace di costruire qualcosa per emergere».

 


00.10 A LANCIANO CONFERMATO PUPILLO

Lanciano conferma Pupillo: «la città ha scelto il futuro», ha detto il sindaco riconfermato, «è stata una campagna elettorale molto forte ma i lancianesi hanno capito e sposato l’unico progetto politico».  


00.28 – A VASTO TESTA A TESTA

E’ testa a testa a Vasto tra Francesco Menna e Massimo Desiati. Dopo 19 sezioni scrutinate su 43 è in lieve vantaggio Menna con il 50,8% (3612 voti), segue Desiati con il 49,1% (3486 voti) ma lo scrutinio prosegue nell'incertezza e uno scarto tra i due di appena 100 voti.


00.46 - PARITA’ A VASTO

Incredibile pareggio a Vasto dopo 26 sezioni scrutinate su 43. I due candidati, Desiati e Menna, hanno entrambi 5.540 voti ciascuno. La vittoria a questo punto si potrebbe giocare sul filo di eventuali ricorsi per i riconteggi. Eventuali schede bianche o nulle, infatti, potrebbero essere impugnate dal candidato in svantaggio.  


01.12 – ROSETO DEFINITIVO: DI GIROLAMO SINDACO

Sabatino Di Girolamo eletto sindaco con il 60,3% delle preferenze (7.377 voti).

L’uscente pavone si ferma al 39,7% (4,853 voti).

1.15 – A VASTO DESIATI IN VANTAGGIO

Dopo 38 sezioni scrutinate su 43 Desiati è in leggero  (50,3%- 8.184 voti) su Menna (49,6%- 8.071 voti).


2.20 - VASTO: E’ SINDACO FRANCESCO MENNA


Alla fine Francesco Menna è sindaco di Vasto per 121 voti contro Massimo Desiati.

Il centrosinistra viene riconfermato alla guida della città con uno scarto risicatissimo dopo uno spoglio al cardiopalma che ha visto più volte lo sfidante di centrodestra in testa con più di 100 voti poi diminuire la differenza per arrivare ad un momento in cui sono stati praticamente pari. Esultano gli esponenti del Pd che con Vasto almeno in Abruzzo ridimensionano una crisi che dal partito investe il governo nazionale.