SVENTURE

Anche Air Vallee abbandona: voli cancellati e disagi per i passeggeri

Nessuna informazione dagli enti preposti obbligati a comunicazioni doverose. Altra tegola che si abbatte sull’aeroporto

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1614

Anche Air Vallee abbandona: voli cancellati e disagi  per i passeggeri

ABRUZZO. Due righe di comunicato della Saga informano che tutti i voli della compagnia Air Vallee sono cancellati almeno fino al 30 novembre 2016. Fine della comunicazione. Nessun dettaglio, nessuna motivazione, nessuna informazione per i (tanti?) passeggeri che avevano già deciso di prenotare,  magari per recarsi in Sicilia o in Sardegna a trascorrere le vacanze alle porte.

Ora sono problemi loro se per caso avevano già prenotato anche il soggiorno: dovranno arrangiarsi con altri mezzi e partire da fuori regione.

La Saga invita a chiamare il vettore per richiedere il rimborso del biglietto già pagato.

Sul sito della sfortunata compagnia un’altra riga informa solo che «Per motivi di carattere tecnico le prenotazioni per i voli Air Vallee sono momentaneamente sospese».

Che è cosa ben diversa ma tant’è.

Anche sul sito del vettore nessun altra informazione ai passeggeri che avevano deciso di fidarsi, evidentemente sbagliando, di una compagnia aerea che dire anomala è dire davvero poco poichè costituisce un unicum in Italia potendo vantare il primato da guinness della flotta aerea più “magra” del mondo: appena un solo aeromobile.

Pure datato: il Fokker infatti è un modello di aereo inaugurato il 1985 ed è un bimotore turboelica e può portare fino a 50 persone ed ha effettuato il primo volo ad agosto 1988 ed ha dunque quasi 28 anni.

Prima di finire alla mini compagnia italiana, questo velivolo  ha operato voli per la Philippine Airlines, per la Skyways Airlines e per la Amapola Flyg fino al 2012, mentre dal 2014 è alla Air Vallee.

Lo scorso 30 aprile il velivolo ebbe dei problemi nell’atterraggio a Catania e dovette effettuarlo in emergenza per fortuna senza conseguenze nefaste. Anche in quell’occasione le informazioni sono state scarse e ridotte all’osso e nè Enac, nè Saga, nè la stessa compagnia hanno poi reso noto l’esito delle verifiche effettuate sulle cause del guasto. Sulla vicenda è stata poi aperta una inchiesta che prevede i tempi lunghi della giustizia.

Ora arriva lo stop per ragioni sconosciute che, oltre ad avvalorare le tesi di chi sconsigliava fortemente questa compagnia, aggiunge un ulteriore problema di affidabilità e credibilità dello scalo abruzzese.

Air Valleè è la stessa compagnia che ha tentato di fornire un servizio anche allo “sfortunatissimo” aeroporto de L’Aquila senza mai riuscirci e operando solo un volo. Ma in quel caso i fattori “anomali” erano più di uno e non tutti ricadenti sul vettore. In effetti però anche in quel caso i voli furono cancellati da un momento all’altro per un formale richiamo dell’Enac che costrinse a bloccare la compagnia.

Poi l’attuale gestione della Saga ha voluto puntare nuovamente sulla compagnia con un solo aereo per i collegamenti per Catania e Olbia, forse, rischiando un pò troppo ed oggi, a posteriori, lo si può dire, anche se maggiore cautela avrebbe forse mosso a qualche riflessione prudenziale in più se si fosse davvero voluto preservare “l’immagine”, l’affidabilità e la credibilità dello scalo abruzzese che ora sono ulteriormente compromessi.

E così dopo i tagli di Ryanair, quelli di Alitalia ad inizio giugno vengono tagliati i voli per le principali mete turistiche italiane e non è certo così che si possono risollevare le sorti dell’aeroporto (anche se per l’impermeabile presidente e professore Nicola Mattoscio le cause risiedono solo in una certa stampa a lui non gradita).    

E non finisce qui perchè, oggi, proprio sulla Saga e la gestione Mattoscio è prevista in Provincia a Pescara una conferenza stampa dell’europarlamentare Daniela Aiuto con il comandante in pensione Emidio Isidoro che ha firmato un esposto che giace in procura.  Sono prevedibili scintille a accuse e, forse, nuove rivelazioni sulle iniziative in Europa che riguardano la verifica dei finanziamenti pubblici erogati dalla Regione alla società e dalla società direttamente a Ryanair.


LICENZA SOSPESA ANCORA?

Anche l’Enac non brilla per informazioni e comunicazione ma si affaccia l’idea che la licenza sia stata nuovamente revocata o sospesa da parte dell’ente che sovrintende l’aviazione civile in Italia.

Si registrano inoltre ulteriori disservizi creati dalla compagnia mercoledì scorso a Rimini quando è saltato tra le proteste il volo per Catania e Tirana.

Dell’eventuale sanzione nè Saga, nè la società, nè la stessa Enac ne hanno dato notizia.