ACCOGLIENZA E BUSINESS

Immigrati, in arrivo in Abruzzo 500 profughi. Forza Italia organizza contestazione

Lunedì in 100 all’Holiday In di Pescara

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

834

Immigrati, in arrivo in Abruzzo 500 profughi. Forza Italia organizza contestazione

PESCARA. Duemila immigrati in arrivo nelle prossime settimane in Abruzzo: l’emergenza non conosce sosta ed ogni giorno approdano in Italia decine e decine di disperati alla ricerca di una nuova vita.

Il lavoro delle prefetture va avanti: questa settimana saranno pubblicati altri 4 avvisi per l’accoglienza ed ogni provincia abruzzese si prepara ad aprire le porte, in media, a 500 extracomunitari che poi dovranno affrontare un lungo percorso per l’eventuale riconoscimento dello status di profugo.

Nel frattempo alloggeranno nelle strutture locali, non senza polemiche. A Pescara nella giornata di oggi sono previsti 100 nuovi arrivi all'hotel Holiday, sulla riviera sud anche se i titolari non sono più così convinti.. Uno dei titolari, Mirko Giannandrea, ai microfoni di Rete8 si è detto preoccupato per il fatto che alla struttura sarà permesso ospitare solo gli immigrati e non i turisti.

Intanto Forza Italia si ribella e da oggi pomeriggio alle 17 il partito di centrodestra allestirà un presidio permanente proprio dinanzi all’Hotel Holiday per impedire il nuovo sbarco che avviene a inizio di una stagione balneare che già si annuncia difficile.

E sempre oggi Forza Italia depositerà una richiesta di convocazione di una seduta urgente del Consiglio comunale su quella che viene definita «una vicenda inaccettabile, di cui l’intera città è stata volutamente tenuta all’oscuro».

Il capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri e il gruppo comunale di Forza Italia, con il capogruppo Marcello Antonelli, chiamano a raccolta tutti i cittadini, i residenti, i balneatori, gli operatori commerciali, gli operatori culturali, «senza bandiere di partito, senza appartenenze politiche, perché qui è in gioco la nostra economia collettiva e il nostro futuro».

«Ma si tratta di persone che hanno bisogno di accoglienza, o piuttosto di immigrati-vacanzieri?», domanda Forza Italia. «Com’è possibile non capire che con tale provvedimento si andrà a uccidere l’economia del turismo di Porta Nuova, generando una raffica di cancellazioni di prenotazioni, in aggiunta a quelle determinate dall’emergenza balneazione? Senza pensare che tra dieci giorni in quella zona si riverseranno 3mila persone per l’Ironman, che è stato spostato sul lungomare sud perché a nord il mare non è balneabile».

E gli esponenti del centrodestra se la prendono con Alessandrini: «mente sapendo di mentire, non può far finta di non sapere, visto che la Prefettura gli avrà sicuramente comunicato la propria decisione, per organizzare i servizi di ordine pubblico nella zona. Ed è evidente che, al solito, ha scelto di non opporsi, di non contrastare l’iniziativa, ossia di non difendere la città che amministra imponendo semplicemente una soluzione alternativa».