EVASIONE

Iva intracomunitaria: Dogane L'Aquila accerta evasione da 9 mln

Nel mirino due società che commerciano prodotti informatici

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

142

Iva intracomunitaria: Dogane L'Aquila accerta evasione da 9 mln

L’AQUILA. I funzionari dell'Area Verifiche e Controlli dell'Ufficio delle Dogane di L'Aquila, su indicazioni dell'Area Antifrode della direzione interregionale per il Lazio e l'Abruzzo, hanno condotto un'attenta analisi dei rischi rivolta al contrasto delle frodi in materia di Iva intracomunitaria.

Sono state cosi' individuate due società operanti nel commercio di prodotti informatici, tra loro collegate, aventi identico domicilio a Roma e risultate irreperibili all'accesso presso le sedi, che risultavano tuttavia aver posto in essere ingenti transazioni finanziarie nei confronti di operatori comunitari e nazionali. L'attività di verifica, durata quasi un anno, effettuata sulla base della documentazione acquisita da banche e da altri intermediari finanziari, delle informazioni rilevate attraverso il Sistema elettronico comunitario di scambio di dati sull'IVA (VIES) e della cooperazione amministrativa attivata con le autorità di 10 stati membri dell'Unione (Gran Bretagna, Germania, Malta, Polonia, Belgio, Repubblica Ceca, Austria, Estonia, Grecia, Portogallo) ha evidenziato considerevoli e costanti discrepanze tra le risultanze del VIES e i consistenti movimenti finanziari riscontrati sui conti riconducibili ai due operatori, permettendo quindi di accertare un'evasione di IVA per oltre 9 milioni di euro. I titolari delle ditte coinvolte, che comunque non operano in Abruzzo, sono stati denunciati alla competente Autorita' Giudiziaria romana e si e' provveduto, tramite l'Ufficio delle Entrate, alla revoca dell'iscrizione nell'archivio VIES delle due società.