IL PROCESSO

Budget ridotti alle cliniche private: nuovi documenti contro Chiodi & Co

Ennesima udienza per i fatti del 2010. Chiodi:«contestato abuso d’ufficio nell’interesse dello Stato»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

648

Budget ridotti alle cliniche private: nuovi documenti contro Chiodi & Co

Gianni Chiodi

 

 

PESCARA. Nuovi documenti che proverebbero ed estenderebbero le accuse anche oltre il 2010 e che di fatto tenderebbero a provare come parte della giunta Chiodi abbiano voluto intenzionalmente creare un danno alle cliniche private legate all’Aiop.

La parte civile (l’Aiop) ha prodotto, nell’udienza di ieri davanti al gup Gianluca Sarandrea nuovi documenti relativi alla vicenda sui tetti di spesa delle cliniche private per l'anno 2010, che conta tra i cinque imputati l'ex governatore abruzzese, Gianni Chiodi, l'ex subcommissario, Giovanna Baraldi, e l'ex assessore regionale, Lanfranco Ventroni.

Nello specifico, il legale delle cliniche,l’ avvocato Tommaso Marchese, ha chiesto al pm Andrea Papalia di integrare il capo di imputazione con la documentazione relativa ai fatti avvenuti nel 2011, ma l'istanza non e' stata accolta.

Il pm, pero', ha dato parere favorevole all'acquisizione dei documenti «perche' anche a suo avviso - ha sostenuto Marchese, a margine dell'udienza - dimostrano ulteriormente come il danno ha prodotto un pregiudizio per le case di cura Aiop».

 Secondo l'avvocato Marchese, sarebbe stato portato avanti un disegno «anche e soprattutto nell'esercizio 2011 attraverso un marchingegno relativo all'unificazione dei tetti di spesa, che nel 2010 erano stati tenuti separati tra intraregionali ed extraregionali arrecando un consistente vantaggio patrimoniale ai gestori di Villa Pini dell'epoca».

«Nel 2010 - ha aggiunto Marchese - loro si erano impegnati a farci recuperare le famose quote di mobilita' passiva regionale e questo non solo non e' avvenuto, ma dalle intercettazioni si ha gia' la prova che in realta' fu tutto preordinato e che nessuno aveva intenzione di farci recuperare queste quote».

 L'udienza e' stata aggiornata dal gup al prossimo 11 ottobre in quanto gli avvocati degli imputati hanno chiesto tempo per esaminare la nuova documentazione.

Oggi, inoltre, sono state illustrate dal perito Caterina Del Zingaro le intercettazioni trascritte.

Nel procedimento sono imputati anche due tecnici dell'Agenzia nazionale per i servizi regionali.

Nel mirino della procura c'e' il ridimensionamento dei tetti di spesa.

Secondo l'accusa, Chiodi, coinvolto in qualita' di ex commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanita', avrebbe fatto firmare alle cliniche private contratti di prestazione di assistenza ospedaliera, collegando la firma al pagamento dei crediti che le cliniche vantavano nei confronti della Regione.

Secondo l'accusa, l'ex presidente, oggi presente in aula, avrebbe fatto pressioni sulle cliniche per far firmare quei contratti e avrebbe tenuto un «generale atteggiamento ostruzionistico volto a non fornire i dati per procedere all'attuazione della metodologia utilizzata per realizzare i tetti di spesa».

 Le accuse, a vario titolo, sono falso, violenza privata e abuso d'ufficio. Il procedimento ha preso il via da un esposto dei titolari di cliniche private.

 
«Di sanita' privata e' bene parlare, ma e' la prima volta che vedo un abuso d'ufficio fatto nell'interesse dello Stato e una violenza nei confronti delle cliniche private», è stato il commento dell'ex governatore abruzzese, Gianni Chiodi, a margine dell'udienza.