TV IN CRISI

Teleponte oscurata e giornalisti da 2 mesi senza stipendio

Chiesto Tavolo in Provincia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

276

Teleponte oscurata e giornalisti da 2 mesi senza stipendio

TERAMO. E' una vertenza destinata a spostarsi sul tavolo provinciale quella relativa al futuro dell'emittente televisiva teramana Teleponte, dove oltre all'oscuramento delle frequenze i lavoratori si trovano ad affrontare anche il problema del mancato pagamento degli stipendi.

Una situazione che ieri mattina è stata al centro di un incontro con l'amministratore delegato Mario Schintu e il presidente Aldo Di Francesco, al termine del quale la redazione e il direttore responsabile, unitamente all'Assostampa e alla Cgil, hanno confermato lo stato di agitazione già proclamato lo scorso 30 aprile.

«I giornalisti e i tecnici, al momento in opera solo in rete e in registrata sul sito di Teleponte per l'oscuramento del segnale - si legge in una nota congiunta dei due sindacati – si limiteranno a leggere le notizie astenendosi dai servizi audio-video».

Nella riunione di ieri mattina non sono state fugate le preoccupazioni sulla situazione aziendale, sugli stipendi arretrati e sugli scenari futuri. Redazione e sindacati, quindi, hanno chiesto l'attivazione di un tavolo istituzionale presso la Provincia.

Intanto, sempre ieri mattina, la proprietà si è impegnata a pagare due mensilità entro martedì mattina, con i sindacati che attendono anche la presentazione di un piano aziendale che dia garanzie rispetto alla salvaguardia dei livelli occupazionali.

«Permane la preoccupazione per quella che è, da oltre 30 anni, una delle realtà giornalistiche più significative della nostra provincia e della nostra regione - concludono Cgil e Assostampa - un luogo che ha raccontato e dato voce alle storie dei cittadini, alle vicende sociali e politiche, alla cultura, alla sport e all'associazionismo».