FILE SHARING

Materiale pedopornografico scambiato sui social network: arrestato nel Teramano

Centinaia di files trovati sui pc dopo l’irruzione della polizia postale

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

222

Materiale pedopornografico scambiato sui social network: arrestato nel TeramanoFILE SHARING

 

 

 

TERAMO. Avrebbe scambiato centinaia di files di matrice pedopornografica attraverso vari mezzi. La polizia postale lo teneva d’occhio già da tempo ma oggi sono andati a trovarlo irrompendo all’improvviso nella sua abitazione per paura di reazioni scomposte.

Si tratta di un 49enne, disoccupato, celibe e convivente con l’anziana madre, residente nella provincia di Teramo.

La Polizia Postale e delle Comunicazioni di Pescara lo ha arrestato questa mattina, in flagranza di reato, all’interno della sua abitazione, dove gli investigatori hanno anche rinvenuto un’ingente quantità di materiale pedopornografico, memorie di diversi notebook e hard-disk da lui utilizzati,

La perquisizione domiciliare ha infatti consentito di recuperare oltre 150 immagini e 900 video ritraenti minori abusati o in atteggiamenti pornografici, con numerose vittime di età stimata tra i quattro e i dodici anni.

Peraltro, per fare ingresso nell’appartamento, gli operatori di Polizia hanno dovuto fare irruzione con la massima rapidità e determinazione, in quanto l’uomo deteneva legalmente diverse armi e, negli ultimi tempi, prestava la massima attenzione nel consentire l’ingresso di persone estranee all’interno della propria abitazione: al contempo si dovevano scongiurare conseguenze in caso di eventuali reazioni violente.

L’analisi del materiale informatico nella disponibilità dell’uomo, ha permesso agli specialisti della Polizia Postale e delle Comunicazioni, almeno dai primi risultati, di acquisire elementi che sembrerebbero evidenziare, da parte dell’arrestato, scambi di foto e video ritraenti minori coinvolti in attività sessuali attraverso alcuni social network.

Secondo la polizia postale il fenomeno del file sharing è andato aumentando proprio grazie ai social network.

Il codice penale però è severo ed anche per la sola detenzione di materiale porno con minori prevede un aumento di pena qualora il materiale detenuto sia di ingente quantità.