LA FRETTA

Nuovo Prg San Giovanni Teatino, quell’errore che potrebbe invalidare tutto

Cittadini possono fare ricorso: «quel Consiglio comunale non è valido»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

361

Municipio San Giovanni Teatino

SAN GIOVANNI TEATINO. Il Comune ha approvato il Prg lo scorso febbraio, ma né dalla maggioranza e né dall’opposizione si sono accorti che quel documento potrebbe essere invalidato.

A farlo notare è Mario Cutrupi, candidato sindaco del Movimento 5 Stelle. Cutrupi spiega che il regolamento del consiglio comunale prevede che, una volta che viene effettuata la prima convocazione se non si raggiunge il numero legale, la seconda convocazione deve essere fatta dopo 24 ore.

In questo caso a San Giovanni Teatino la prima si svolse il 26 febbraio 2016 alle ore 17 e la seconda il 27 ma alle ore 15.

«E’ evidente», sottolinea l’esponente pentastellato, «come il regolamento non fu rispettato non essendo trascorse le 24 ore come da prassi. Pena il ricorso di qualsiasi cittadino che annullerebbe il Consiglio comunale e quindi anche la delibera del Prg. Non capiamo come abbiano potuto tralasciare un aspetto così importante proprio sull’approvazione del Piano regolatore, ci chiediamo se l’incompetenza regni sovrana nella nostra città o se la superficialità prevalga negli amministratori di maggioranza e minoranza». L’opposizione ha creato polemiche sul numero dei consiglieri durante la seconda convocazione senza occuparsi però di un altro aspetto determinante.

«Questo Prg», insiste Cutrupi, «ha lasciato diversi malumori tra i cittadini per l’aumento esagerato delle volumetrie e tra consulenti e servizi il Comune ha speso circa 50mila euro, soldi pubblici che potrebbero essere vanificati. I cittadini possono presentare ricorso prima dello scioglimento del consiglio comunale previsto alla fine di aprile».

Con il nuovo piano, chi costruirà sul territorio, sarà obbligato a piantare un albero per ogni appartamento. E’ inoltre prevista una circonvallazione all’abitato di Sambuceto nella zona industriale, una variante nella zona dell’ippodromo che ridurrà il transito di veicoli su via Salara e l’arrivo al centro di Sambuceto del capolinea della filovia che proviene da Pescara.