L'OPERAZIONE

Prostituzione, 4 arresti a Pescara. «Giro d’affari da 50 mila euro al mese»

Ragazze costrette a versare 30 euro al giorno per poter ‘lavorare’

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

938

Prostituzione, 4 arresti a Pescara. «Giro d’affari da 50 mila euro al mese»

PESCARA, La Squadra Mobile di Pescara, in collaborazione con la polizia romena e il Servizio Interpol, ha concluso una complessa operazione nei confronti dei componenti di una pericolosa banda criminale, formata da romeni e italiani, accusati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, e all'estorsione.

E' stato ricostruito un giro d'affari di almeno cinquantamila euro al mese. Dopo sei mesi di ricerche la polizia ha rintracciato e arrestato due cittadini romeni, marito e moglie, colpiti da mandato di arresto europeo, che si erano resi latitanti a seguito di un'operazione contro lo sfruttamento della prostituzione condotta nel mese di ottobre del 2015.

Si tratta di un'indagine svolta sotto la direzione della locale Procura della Repubblica (titolare delle indagini e' il pm Andrea Papalia), che conta altri due indagati destinatari di analoga misura restrittiva: una donna romena, che era sottoposta all'obbligo di dimora, e un uomo di Pescara tuttora latitante gia' arrestato per reati analoghi nell'ambito di un'altra operazione della Squadra Mobile risalente al 2011 (Operazione "Scoiattolo").

I quattro sono accusati di associazione per delinquere finalizzata all'estorsione e al favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Il romeno e il pescarese erano promotori e capi dell'associazione, occupandosi anche del reclutamento all'estero di giovani ragazze romene, mentre le due donne avevano dei ruoli esecutivi e di raccordo tra i capi e le altre prostitute. Altri sei soggetti, quattro romeni e due italiani, sono stati destinatari di un avviso di garanzia in quanto indagati a piede libero per estorsione.


INDAGINI PARTITE NELL’ESTATE DEL 2014

Le indagini hanno avuto inizio nell'estate del 2014, quando sono state raccolte diverse denunce di alcune giovani romene dedite alla prostituzione nel capoluogo adriatico, nei confronti dei quattro indagati, indicati quali responsabili di reiterate condotte di sfruttamento della prostituzione ed estorsione. Tutte le ragazze erano concordi nell'affermare l'esistenza di un gruppo che aveva loro imposto il pagamento giornaliero, da ciascuna di loro, di una somma di denaro per poter esercitare la prostituzione nel tratto di strada di cui detto gruppo rivendicava l'assoluto controllo.

La Squadra Mobile ha pertanto avviato le intercettazioni di numerose utenze telefoniche. In tale maniera e' stata fatta luce su un ampio fenomeno criminale di matrice romena, in atto nella zona sud di Pescara e all'interno della Pineta D'Annunziana, per il controllo e la spartizione del territorio destinato all'esercizio della prostituzione, anche attraverso azioni violente finalizzate all'ottenimento del pagamento di una sorta di "tassa di occupazione" da parte delle prostitute non assoggettate al controllo del gruppo criminale indagato.

In pratica, solo le prostitute che pagavano la "tassa" (in genere 30 euro al giorno, oppure 150 euro a settimana) potevano esercitare nelle zone controllate dagli indagati, mentre quelle che si rifiutavano venivano minacciate e picchiate. Le indagini hanno consentito di ricostruire che i quattro indagati gestivano un giro di ragazze che garantivano introiti economici illegali ammontanti ad almeno 50.000 euro al mese. Infatti, sono state documentate molte rimesse di denaro in Romania tramite il circuito dei money transfer.