LA FALLA

Polizia stradale Pescara: «provincia scoperta, non ci sono pattuglie»

La denuncia del sindacato Sap

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

245

polizia stradale

PESCARA. Ieri mattina una delegazione della segreteria provinciale Sap, insieme al segretario regionale Giampaolo Guerrieri, è stata ricevuta dal Prefetto di Pescara, Francesco Provolo, per denunciare la difficile situazione in cui versa ormai da svariati mesi la Polizia Stradale a causa della «gravissima carenza di personale».

Come è stato spiegato al prefetto per garantire la vigilanza sulla tratta autostradale e ottemperare alla convenzione con la Società Autostrade, in più occasioni (ben 77 volte negli ultimi mesi) è stata distolta l’unica pattuglia presente sul territorio ad opera della Sezione o dei Distaccamenti di Polizia Stradale di Penne o di Piano D’Orta, che avrebbe invece dovuto avere, come unica finalità, quella di vigilanza e prevenzione per garantire la sicurezza sulla viabilità ordinaria, lasciando così di fatto l’intera provincia sguarnita per interi turni di servizio. Infatti lo scorso venerdì sera per più di due ore non è intervenuto nessuno in zona Fontanelle per poter ripristinare la circolazione stradale, rimasta completamente bloccata, a seguito di un veicolo parcheggiato in maniera non corretta.

Ma il sindacato ha denunciato anche la grave carenza di personale che non consente di espletare gli ordinari servizi senza inevitabilmente comprimere i diritti dei poliziotti, quali il beneficio delle ferie ed eventuali assenze legittime, unitamente all’attuale promiscuità d’impiego tra i vari reparti della Polizia Stradale di Pescara, per espletare la vigilanza autostradale, unitamente alla mancata liquidazione al personale delle indennità per i servizi espletati in regime di missione.

«Il prefetto Provolo», riferiscono i sindacati, «ha dimostrata ampia attenzione e sensibilità per quanto rappresentatogli e, nella condivisione dell’effettiva criticità in cui versa la Polizia Stradale di Pescara, si è impegnato formalmente a coinvolgere sia la dirigenza Compartimentale Polizia Stradale dell’Abruzzo a L’Aquila che lo stesso Dipartimento della polizia a livello centrale. Adesso la cittadinanza potrà comprendere la ragione per cui, nel richiedere l’intervento della Polizia Stradale, si potrebbe rischiare di aspettare parecchie ore, se si è fortunati».