CULTURA

Ovidio, la mostra con libri rari, video e testi del poeta latino

A Sulmona c’è Ovidii Taberna

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

143

Ovidio, la mostra con libri rari, video e testi del poeta latino


SULMONA. Dopo il successo di Natale la Ovidii Taberna riapre per le festività di Pasqua. E' stata inaugurata oggi pomeriggio, a palazzo Sanità, in corso Ovidio 238, la "Ovidii Taberna".

Tra le novità dell'edizione pasquale della mostra di oltre duecento libri antichi, dedicati ad Ovidio, figurano il volume del sulmonese Ercole Ciofano, pubblicato dal famoso editore e letterato rinascimentale Aldo Manuzio, un imprenditore illuminato, un testo raro, oggi esistente in pochissime copie, dedicato alle osservazioni dell'umanista sulmonese sulle "Metamorfosi" di Ovidio, il primo volume tascabile della storia ed inoltre un video documentario dedicato alla vita di Ovidio e intitolato "Metamorfosi di un poeta", opera del regista di origine sulmonese, Pietro Faiella, che a ritroso, dalla "relegatio" a Tomi (oggi Costanza in Romania) alla nascita a Sulmona, ripercorre la vita e l'opera del Vate ed un table touch per la visione digitale dei testi e altri volumi antichi e il progetto "Sulle tracce di Ovidio - percorsi ovidiani" da lanciare in occasione della prossima Fiera del Turismo di Rimini per Ovidio 2017. 

A promuovere l’iniziativa FabbricaCultura, Dmc Cuore dell’Appennino, Camera di Commercio dell’Aquila, Parlamento Europeo e Comitato Abruzzo, composto da Cgil, Cisl, Uil e Confindustria. "Nel periodo di Pasqua, quando la città di Sulmona accoglie migliaia di turisti, provenienti non solo dall'Italia, è bene non lasciare nel vuoto una città di cultura, proponendo una mostra che ha già riscosso largo successo" ha sottolineato Anna Berghella, presidente della Dmc Cuore dell'Appennino e dell'associazione FabbricaCultura.

«Il nostro impegno continua anche in vista delle celebrazioni del Bimillenario ovidiano e stiamo lavorando al completamento e quindi all'apertura dello Spazio Ovidio, nell'ex convento di S.Caterina», ha precisato Anna Berghella. A tal proposito l'imprenditore Fabio Spinosa Pingue, componente della Dmc, ha annunciato l'impegno preso dall'assessore regionale Andrea Gerosolimo per un ulteriore fondo della Regione, di circa trecentomila euro, a sostegno del progetto Spazio Ovidio. «una volontà che ora deve essere trasformata in atto».

  La mostra resterà aperta tutti i giorni fino al 29 marzo, al mattino dalle 10 alle 13 e nel pomeriggio dalle 15 alle 20.  A guidare i visitatori tra particolarità e caratteristiche della preziosa collezione sarà la giornalista Chiara Buccini.  I testi in mostra provengono da ogni parte del mondo: Francia, Germania, Stati Uniti, Olanda, Belgio. Le opere, in maggior parte, contengono tavole che ne rappresentano la trama, disegnate e incise dai più famosi artisti come, per citarne uno fra tutti, Picasso.  Gli editori sono i più celebri di ogni epoca:  oltre Manuzio,  anche Platin e Bodoni. Gli stampatori hanno gareggiato per le migliori rilegature: cuoio, pergamena, pergamena a rilievo, chiusure. Le stampe sono sulle più pregiate carte, a volte anche profumate di essenze. I formati spaziano dal quarto grande al piccolissimo 24.