LA CAMBIALE

Ospedale Maltauro, ecco tutti i servizi e manutenzioni affidati al privato

Ecco il documento integrale che regola la contropartita per il privato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1310

Ospedale Maltauro, ecco tutti i servizi e manutenzioni affidati al privato

ABRUZZO. Ecco il Disciplinare di Gestione dei Servizi in Concessione del Project Financing per l’Ospedale di Chieti.

In esclusiva PrimaDaNoi.it pubblica il documento che disciplina l'attività di conduzione manutenzione e fornitura dei servizi oggetto della Concessione relativa al Project Financing per la costruzione del nuovo Ospedale di Chieti.

In pratica il documento che costituisce l’ossatura e le regole di come sarà organizzata la gestione dei servizi pubblici sanitari e non in seguito al project Financing con il raggruppamento di ditte capeggiate da Maltauro per la costruzione del maxi ospedale di Chieti.

Proprio la gestione di molti servizi costituisce la contropartita alla costruzione (pagata dal privato) del nuovo nosocomio che di fatto costituisce un allargamento dell’attuale Santissima Annunziata.

Nella premessa si possono leggere gli obiettivi:

Attraverso l’attività di coordinamento di tutti i servizi che il Concessionario è chiamato ad espletare nei confronti dell'Azienda, esso intende conseguire specifici risultati:
- flessibilità della gestione dei servizi di supporto al pari dei nuovi orientamenti clinici, diagnostici e terapeutici;
- soddisfazione del paziente e degli utenti delle varie strutture dell’Ospedale fornendo servizi sempre più appropriati e soddisfacenti e rendendo l’ambiente ospedaliero più gradevole ed accogliente possibile;
- organizzazione ed implementazione di tutte le attività non sanitarie analizzandone i fabbisogni e mettendo a punto le procedure che consentono di svolgere le attività previste;
- ottimizzazione del servizio tramite strumenti di pianificazione e programmazione dei servizi;
- garanzia di uniformità e di erogazione dei servizi sia in termini quantitativi che qualitativi

Si legge nel documento che la “Società di Progetto” (cioè il soggetto giuridico che sarà creato per gestire costruzione e gestione dei servizi) riceverà come contropartita alla costruzione dell’Ospedale una lunga serie di servizi, tra i quali, la gestione di Manutenzione Opere Edili, Manutenzione Aree verdi e Energia e Manutenzione Tecnica degli Impianti, Servizi di Lavanderia e Pulizia. La cessione di questi servizi sarà estesa, oltre all’ospedale di Chieti, anche ai maggiori presidi ospedalieri dell’intera ASL: Vasto, Lanciano, Ortona, Guardiagrele, Atessa, Gissi e Casoli.

GLI EFFETTI COLLATERALI

Tra gli effetti collaterali, dunque, del project financing voluto dalla giunta D’Alfonso ci sono anche quelli che ricadono su centinaia di ditte che operano in questi stessi settori e che fino ad oggi si sono occupati, attraverso gare ed appalti, di tutti gli aspetti “produttivi” che ruotano intorno alla sanità.

Si può dire che le ditte locali non lavoreranno più ed avranno problemi grandi e piccoli sui bilanci e magari sui lavoratori?

Più fortunati saranno quei dipendenti che si occupano degli stessi servizi per la Asl di Chieti e che si è preferito non esternalizzare.

Il punto 3 del Disciplinare nel quale si legge che:

«Il Concessionario si impegna ad utilizzare a comando una quota parte del personale dipendente della ASL che, al momento della sottoscrizione del contratto, risulterà impiegato nello svolgimento delle diverse attività oggetto dei Servizi. Il Concessionario dovrà specificare in sede di offerta le qualifiche del personale impiegato nello svolgimento dei vari Servizi e sviluppare un piano formativo adeguato».

CALL CENTER BIS

Il Concessionario dovrà garantire all’Azienda, mediante un Call center opportunamente dimensionato e progettato, la massima accessibilità ai servizi oggetto della Concessione. L’attivazione di tale strumento dovrà essere contestuale all’inizio di erogazione dei servizi.

Le modalità di gestione dei servizi erogati con l’ausilio del Call Center dovranno comprendere almeno le seguenti attività:
- gestione delle chiamate
- tracking delle richieste.
Al call center risponderanno persone perfettamente informate sui servizi in gestione e, pertanto, in grado di attivare tempestivamente le azioni correttive necessarie ai fini della soluzione del problema verificatosi. Nelle fasce orarie notturne dovrà essere attivato un sistema di rintracciabilità automatico per dirottare le chiamate ai differenti referenti. In ogni caso, i referenti del Concessionario forniranno il proprio recapito telefonico cellulare in modo tale da risultare rintracciabili in qualsiasi momento (anche in orari notturni e in giorni festivi) per far fronte ad eventuali necessità ed urgenze. La valutazione circa il grado di urgenza, per cui si rende necessaria la chiamata, sarà rimessa all'insindacabile giudizio dell'Azienda.

Di fatto per molti aspetti il servizio si aggiunge a quello recentemente appaltato per tutte le Asl abruzzesi che pure ha creato non poche polemiche sui costi.

E’ previsto poi un complesso sistema di controllo della qualità dei singoli sub-servizi, come riportato nel punto 7.5, e delle relative penali in caso di inadempienze come riportato nel punto 8.

LE PENALI

Le inadempienze agli obblighi contrattuali, ferme restando le responsabilità del Concessionario di rilevanza civile e/o penale, che derivassero dal disservizio, comporteranno l’applicazione di penali, come di seguito disciplinate.
L'importo annuo (canone) per singolo servizio da tenere in considerazione per l’applicazione delle penali, sarà quello ricavabile dall’offerta dal Concessionario rideterminato lungo l’espletamento della Concessione per eventuali rinegoziazioni che dovessero intervenire a seguito di variazioni dei servizi o per applicazione della procedura di market test.
Conformemente a quanto previsto nel Contratto di Concessione, relativamente ai servizi, nei primi 120 giorni di erogazione degli stessi, le penali eventualmente maturate a carico del Concessionario, saranno decurtate del 50%, in quanto tal periodo è considerato dall’Azienda necessario per il corretto avvio della gestione da parte del Concessionario.
La decisione circa l'applicazione delle penali spetta insindacabilmente all'Azienda e sarà comunicata immediatamente al Concessionario nelle forme disciplinate nel presente paragrafo.
Premesso che quanto riportato nel presente capoverso è da ritenersi valido per l’applicazione delle penali anche inerenti i singoli Capitolati Prestazionali, si osserva che l'applicazione di queste, non pregiudica il risarcimento di eventuali danni o di ulteriori oneri sostenuti dall'Azienda a causa delle infrazioni commesse. Tutte le penali verranno riscosse dall'Azienda detraendo il relativo importo dal corrispettivo dovuto al Concessionario in occasione del pagamento immediatamente successivo rispetto al momento in cui è maturata la penale a carico del Concessionario. L’Azienda per i crediti derivanti dall’applicazione delle penali, di cui al presente paragrafo, potrà, altresì, avvalersi della cauzione, senza bisogno di diffida, ulteriore accertamento o procedimento giudiziario.

 

2.1.0 Disc Di Gest Dei Servizi in Concessione