CASE D'ORO

L'Aquila: Consiglio decide abbattimento Case e Map e ha paura delle scie chimiche

«Il Governo chiarisca sul misterioso e preoccupante fenomeno»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

306

PROGETTO CASE

L’AQUILA. Il Consiglio comunale dell'Aquila nella giornata di ieri ha approvato un ordine del giorno, presentato dal consigliere Stefano Palumbo (capogruppo Pd), riguardante il "Piano di abbattimento complessi Case e Map".

 In particolare, sulla base del documento, il Consiglio impegna il sindaco e l'amministrazione a elaborare un piano di abbattimento dei complessi, che tenga conto di valutazioni di carattere economico, urbanistico, sociale e demografico, facendosi promotore, presso il Governo, del reperimento delle somme necessarie agli interventi conseguenti.

Insomma le abitazioni che hanno ospitato i terremoto sembrano destinate ad essere (almeno in parte) cancellate. Sfuma così l’ipotesi di rimpiego che era stata avanzata già nell’aprile del 2009 dall’allora premier Silvio Berlusconi.

Via libera anche ad un secondo ordine del giorno, che vede come primo firmatario il consigliere Ermanno Giorgi (Centro Democratico), avente per oggetto "scie chimiche e informazione", con il quale "si impegnano il Consiglio, il sindaco e l'amministrazione a farsi promotori presso il Governo affinche' si chiarisca la situazione".

Sembra uno scherzo ma in realtà non lo è:  il documento rileva in premessa che si ritiene «ormai inderogabile che su questo 'misterioso e preoccupante' tema il Governo italiano informi tutti i cittadini», data la «massiccia e continua immissione di sostanze che possono essere nocive».

Approvata anche la proposta deliberativa, a firma dell'assessore alle Attivita' produttive Pierluigi Mancini, contenente la definizione dei termini massimi di mantenimento delle strutture provvisorie adibite ad attivita' produttive, ai sensi delle deliberazioni consiliari numero 57 del 2009 e numero 105 del 2012.

L'atto prevede che, a domanda motivata e documentata dell'interessato, sia consentita la proroga delle previsioni derogatorie previste con le precedenti deliberazioni consiliari, in funzione del ripristino del 60 per cento delle condizioni di agibilita' della sede originaria, e comunque nel termine di 36 mesi.

Al titolare dell'attivita' economica la cui sede e' tornata agibile e' riconosciuta la facolta' di mantenere la sede provvisoria rilocalizzata per un tempo massimo di nove mesi, per dar modo di provvedere al riallistimento e al rientro. Alle attivita' la cui sede nel centro storico, seppure tornata agibile, sia di fatto inutilizzabile ai fini commerciali a causa delle interferenze con il cantiere per la realizzazione dei sottoservizi, e' consentito il mantenimento della sede provvisoria fino alla conclusione dei lavori. Entro 90 giorni dalla scadenza dei termini fissati nella delibera i manufatti provvisori dovranno essere rimossi e dovra' essere ripristinato lo stato dei luoghi.

Approvato un ordine del giorno, presentato dal consigliere Ettore Di Cesare (Appello per L'Aquila), per l'esposizione a Palazzo Fibbioni di uno striscione con la scritta "Verita' per Giulio Regeni", in adesione alla campagna di Amnesty International. Sono state rinviate, invece, le discussioni sui quesiti referendari relativi al Gran Sasso, sui Sic e sul Masterplan, su richiesta degli stessi consiglieri proponenti.