IL CASO

La maestra è “particolare”: i genitori non mandano i figli a scuola

Succede alla elementare Di Blasio di Montesilvano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

888

scuola

 

MONTESILVANO. Da giorni due classi sono vuote perché i genitori non mandano a scuola i figli. Il motivo? Una maestra non sarebbe all’altezza del compito assegnato e si sarebbe macchiata di comportamenti giudicati inammissibili.

Succede a Montesilvano nella scuola elementare 'Fanny Di Blasio' dove 45 alunni di due classi prime non vanno a scuola perché secondo i genitori la maestra li «terrorizza».

Questa mattina il deputato del M5s, Gianluca Vacca, ha tenuto un sopralluogo ed un incontro con la dirigente scolastica ed in Comune ha incontrato le mamme, che nei giorni scorsi hanno denunciato pubblicamente la situazione, insieme al sindaco, Francesco Maragno, e all'assessore al settore.

A detta delle mamme, la maestra «li sgrida, si addormenta in classe e li lascia incustoditi».

 I genitori si sono detti pronti ad accompagnare i bimbi in classe solo nelle ore in cui ci sono altri docenti.

«Domani presenterò un'interrogazione - spiega Vacca - per chiedere un'ispezione e quali siano i provvedimenti adottati dal dirigente scolastico e dall'Ufficio scolastico regionale. Nell'attesa il dirigente scolastico deve fare di tutto per riportare la serenità a scuola. Ha tutti gli strumenti per intervenire subito: può organizzare turni ed orari in modo che quel docente non vada in classe, ma deve intervenire affinché i bimbi tornino a scuola, perché c'è una situazione di incompatibilità ambientale con tutto il gruppo classe».

«Parliamo, tra l'altro, di bambini di sei anni, una fascia di età delicatissima, e i danni che si possono fare sono devastanti. Da parte delle mamme non ho notato un clima di 'caccia alle streghe'; hanno un atteggiamento molto razionale e ponderato. Peraltro - conclude Vacca - sembra che già in passato con la stessa docente ci siano stati problemi simili».