SCOMPARSI

Cellulari sottocosto. Prestanome rumeno e documenti distrutti: maxi evasione da 38 mln

Operazione “Disappear” della Finanza di Chieti

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

1209

Cellulari sottocosto. Prestanome rumeno e documenti distrutti: maxi evasione da  38 mln

CHIETI. Il Nucleo Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Chieti, nell’ambito dell’attività di contrasto all’evasione ed elusione fiscale, ha concluso una complessa ed articolata attività di polizia tributaria che ha portato all’individuazione di una società di capitali operante in totale evasione nel settore del commercio di prodotti telefonici di alta gamma.

 L’intera operazione ha fatto emergere oltre 38 milioni di euro tra base imponibile ed IVA non versata oltre a segnalare all’autorità giudiziaria competente i due responsabili per aver omesso di dichiarare e pagare imposte oltre a distruggere la contabilità.

 In particolare la società verificata ha provveduto ad acquistare da società italiane, cosiddette “cartiere”, costituite solo sulla carta al fine di evadere le imposte, attualmente in fallimento, un ingente quantitativo di prodotti elettronici, approfittando di un prezzo più basso a causa del mancato pagamento da parte delle società fornitrici delle imposte dovute.

 

Successivamente detta merce veniva rivenduta ad un prezzo inferiore a quello di mercato realizzando ovviamente una situazione di concorrenza sleale nei confronti degli operatori onesti, penalizzati da un operatore in grado di offrire prezzi considerevolmente più bassi, tenuto conto che la società verificata ha omesso completamente il pagamento delle imposte.

 Dopo aver effettuato tali movimentazioni di merci, sono state poste in essere una serie di operazioni cartolari in capo alla medesima società finalizzate a trasferire sia l’intero capitale sociale nelle mani di un unico socio (prestanome di nazionalità rumena – senza fissa dimora) che la sede legale a Napoli (Quartieri Spagnoli), tutto ciò con l’obiettivo di far materialmente “sparire” il soggetto giuridico e, soprattutto, la relativa documentazione amministrativo-contabile al fine di  impedire la ricostruzione dell’effettivo giro d’affari e porre al riparo i responsabili dei fatti illeciti da eventuali azioni dirette.

 

Solo una lunga e minuziosa attività d’indagine ha consentito l’individuazione sia dei professionisti che hanno materialmente curato la contabilità della società, sia il rinvenimento di parte della stessa, permettendo l’individuazione dei clienti presso i quali è stato possibile acquisire i documenti (fatture) che hanno consentito di delineare il preciso quadro probatorio documentale afferente l’illecita attività svolta.

 Non sono stati forniti ulteriori dettagli sulla azienda e sui titolari denunciati.