LA NOVITA'

Fumo: da domani nuovi divieti e stop in auto con minori

Anche immagini shock sui pacchetti e sanzioni più aspre

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

571

Fumo: da domani nuovi divieti e stop in auto con minori

ROMA. Dalle immagini shock sui pacchetti di sigarette al divieto di fumo in auto in presenza di minori e donne incinte.

Sono alcuni tra i principali divieti e novità introdotti con il decreto di recepimento della direttiva Ue sul tabacco e che entreranno progressivamente in vigore a partire da domani, dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale il 18 gennaio scorso.

Tra le misure, varate con l'obiettivo di determinare una stretta sul fumo e, soprattutto, di dissuadere i giovani da tale abitudine a rischio, vi è quella che prevede l'introduzione di immagini shock: sigarette, tabacco da arrotolare e tabacco per pipa ad acqua recheranno le nuove "avvertenze combinate" relative alla salute composte da testo, fotografie ed immagini forti e informazioni per dissuadere i consumatori.

Per il 65% della loro superficie i pacchetti saranno infatti coperti immagini molto forti - di persone incoscienti al pronto soccorso, di parti del corpo aggredite dalla malattia, di morti nella bara - e da frasi che illustrano senza giri di parole i rischi legati al fumo: "provoca l'ictus", "aumenta il rischio di cecità", "può uccidere il bimbo nel grembo materno". Su ogni confezione sarà anche inserito il numero verde antifumo dell'Istituto superiore di sanità (800.554.088).

Inoltre, sulle confezioni sono vietati tutti gli elementi promozionali ed è ''vietata la pubblicità di liquidi o ricariche per sigarette elettroniche contenenti nicotina che sia trasmessa all'interno di programmi rivolti ai minori e nei quindici minuti precedenti e successivi alla trasmissione degli stessi in televisione nella fascia oraria dalle 16 alle 19''.

Arriva anche lo stop al fumo in auto con minori e donne incinte.

Chi si accende una sigaretta in un'auto dove viaggiano donne incinte oppure bambini rischia infatti una multa da 500 euro. E il tabaccaio che vende pacchetti ai minorenni può subire la revoca della licenza.

 Tra gli altri divieti introdotti, ma non previsti dalla direttiva, quello di vendita ai minori di sigarette elettroniche con presenza di nicotina e il divieto di fumo nelle pertinenze esterne degli ospedali, oltre all'inasprimento delle sanzioni per la vendita ai minori fino alla revoca della licenza.