IL CONVEGNO

La massoneria del Grande Oriente d’Italia a Pescara per parlare di Europa

Appuntamento con il gran maestro Stefano Bisi il 16 gennaio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1765

La massoneria del Grande Oriente d’Italia a Pescara per parlare di Europa

Stefano Bisi

PESCARA. La nuova geopolitica presenta ai nostri occhi preoccupanti scenari di convivenza. Anche in Europa, culla della civiltà moderna, che nella seconda metà del Novecento ha avviato al suo interno un progetto comune di integrazione di uomini e cose. In realtà è ormai evidente che quell'unione così auspicata ha trovato applicazione in parte e solo per le 'cose', in un sistema efficiente - e spesso spregiudicato - di scambio di merci e capitali.

Ma l'Europa dei popoli dove risiede? E soprattutto, qual è il suo futuro? Se ne parlerà a Pescara il 16 gennaio nell'ambito del convegno "L'Europa tra integrazione e disintegrazione" promosso dal Grande Oriente d’Italia in collaborazione con il Collegio Circoscrizionale di Abruzzo-Molise.

Il Gran Maestro, Stefano Bisi, parteciperà all'incontro che si svolgerà presso l'Aurum Pescara dalle ore 15,30. Dopo il saluto d'apertura del presidente circoscrizionale Luciano Artese, porteranno contributi: Marco Rocchi, professore di Statistica Medica all'Università degli Studi "Carlo Bo" di Urbino, nonché apprezzato massonologo, e tre docenti dell'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Chieti-Pescara: l'economista Vittorio Carlei, lo psicologo Mario Fulchieri e la sociologa Eide Spedicato Iengo. Le conclusioni dei lavori saranno del Gran Maestro Stefano Bisi. L'ingresso al convegno è libero.

Nel commentare l'iniziativa il Gran Maestro ha spiegato che «la Massoneria nasce nel cuore della cultura europea ed è espressione tipica della civiltà moderna. Storicamente, i suoi principi e il suo metodo hanno costruito una rete di valori su cui sono nati e cresciuti i paesi democratici».

«Proprio per questo - ha aggiunto - al di là delle teorie complottiste sempre in voga e alle quali sorridiamo, ritengo che i Liberi Muratori possano contribuire a pieno titolo alla discussione sul futuro nella nostra cara e vecchia Europa ed esprimere la loro visione del mondo, quella racchiusa nel trinomio di libertà- uguaglianza-fraternità a loro caro. Da uomo e cittadino sono convinto, e con me la stragrande maggioranza delle persone, che solo una voce corale di identità ed esperienze diverse possa dare il nuovo passo: spetta a noi europei guardarci e ascoltarci, senza paura e oltre ogni pregiudizio».

 Il Gran Maestro Stefano Bisi è alla guida del Grande Oriente d’Italia dal 6 aprile 2014. Giornalista senese, classe 1957, è vicedirettore del Gruppo Corriere, che comprende le edizioni di Perugia, Terni, Siena, Arezzo, Grosseto, Rieti e Viterbo. Ideatore del blog www.stefanobisi.it con il canale “Bisiradio” Stefano Bisi è autore di alcuni libri fra cui “Mitra e Compasso”, dedicato al rapporto tra chiesa cattolica e massoneria, lo “Stradario massonico di Siena” e coautore di “Sindaci in rosso”, una pubblicazione a cura di Vittorio Feltri e Renato Brunetta e di “Massoneria F.A.Q.”.

 LANCIANO PATRIA DEL GRAN MAESTRO CIPOLLONE

 L’Abruzzo ha dato i natali a un Gran Maestro illustre del Grande Oriente d’Italia, il lancianese Umberto Cipollone. Nato nel 1883 fu avvocato, parlamentare e membro della Consulta nazionale dal 25 settembre 1945 al 24 giugno 1946, incarico, quest’ultimo, certamente da ricordare nel 70esimo della Repubblica italiana che si celebra quest’anno. 

È stato alla guida del Grande Oriente d’Italia: dal 1943 al 1945 nel comitato di gran maestranza che resse l’istituzione al suo risveglio dopo la caduta del governo mussoliniano; nel 1949 come Gran Maestro pro tempore, dopo la morte di Guido Laj e prima dell’elezione di Ugo Lenzi; dalla fine del 1957 e fino al 1960, anno della sua morte.

Nel 1945 fu membro della Consulta e anche prosindaco di Roma. Nel novembre del 1924 aveva aderito all’Unione Nazionale di Giovanni Amendola. 

Iniziato Libero Muratore nella Loggia “Fra’ Dolcino” di Lanciano il 13 giugno 1912, raggiunse i gradi di compagno d’arte e di maestro il 14 febbraio successivo. Nel 1925 fu consigliere dell’Ordine e apparteneva al Rito Scozzese Antico e Accettato.

Si dedicò assiduamente al caso giudiziario sull’esproprio di Palazzo Giustiniani in epoca fascista da parte del Demanio.

Un caso ancora irrisolto e che in queste settimane è all’attenzione del Gran Maestro Stefano Bisi.